myCicero: vittoria 2-3 nell’infrasettimanale di Caserta

di 

24 febbraio 2016

CASERTA – Esce indenne la myCicero dal difficile campo di Caserta. Bertini temeva, e a ragione, questa trasferta ma Mastrodicasa e compagne hanno dato ancora una volta grande dimostrazione di forza e maturità. Superlativa l’ungherese Liliom, autrice anche stasera di 30 punti (con il 48% in attacco). Ed ora le pesaresi si godono il quinto posto in solitudine, a un punto dal quarto posto dell’altra marchigiana Filottrano. (33 contro 32).

Primo set da dimenticare per le pesaresi che faticano enormemente ad entrare in partita contro una Kioto molto concentrata e determinata, che sporca tutti gli attacchi delle ospiti (tra l’altro anche fallose). Il 25-16 è l’epilogo naturale di quanto visto.

Seconda frazione dove Pesaro parte più determinata e prende subito il comando delle operazione: è sempre lei a scappare con due o tre punti di vantaggio con la Kioto, però, pronta a rispondere. Un turno in battuta di Sestini si rivela mortifero per le padrone di casa: le rossoblù prendono un rassicurante margine di vantaggio verso la metà del parziale e le rosanero non riescono più a opporre resistenza.

Kioto Caserta – myCicero Pesaro 2-3 (25-16; 19-25; 26-28; 25-19; 4-15)

KIOTO CASERTA: Lotti 14, Casillo 9, De Lellis 6, Harelik 10, Facchinetti 8, Percan 23; Porzio (L), Galazzo, Gabbiadini, Botarelli. N.e.: Aquino, Paioletti, Barone, Torchia. All.: Gagliardi.

MYCICERO PESARO: Liliom 30, Sestini 4, Mezzasoma 16, Arciprete 3, Mastrodicasa 7, Di Iulio 1; Ghilardi (L), Zannini, M’Bra, Gennari, Babbi 14. N.e.: Bordignon, Di Marino. All.: Bertini.

ARBITRI: Saltalippi e Merli.

Kioto: battute sbagliate 9; battute vincenti 7; ricezione 65% (prf. 26%); attacco 30%; errori 28; muri 14.

myCicero: battute sbagliate 8; battute vincenti 4; ricezione 59% (prf. 20%); attacco 35%; errori 28; muri 11.

Note – Prima della partita bella iniziativa della Volalto “Tutti giù per terra” per le morti bianche nel Mediterraneo. Premiata Francesca Babbi, ex della partita.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>