Selfie, cartelli, Facebook e hashtag #ugualidiritti . Così Agorà Uniurb urla il suo sì alle unioni civili

di 

24 febbraio 2016

URBINO – Sono circa 50 gli scatti arrivati alla pagina Facebook dell’Associazione studentesca Agorà per la campagna social pro unioni civili. “Un’idea nata e realizzata in 10 minuti per dare voce agli studenti dell’Università di Urbino su uno dei temi più attuali” ci spiega Sara Gargiulo.
L’iniziativa è partita sabato e il popolo universitario non ha perso tempo inviando selfie o scatti, corredati da nome e un pensiero, e seguiti dall’hashtag #ugualidiritti.
C’è chi opta per il voto segreto, noi invece preferiamo metterci la faccia-prosegue Gargiulo – vogliamo sfatare il mito che noi giovani siamo passivi e non partecipiamo alle cause, i tanti contributi ricevuti in questi primi 3 giorni sfata questo mito. Penso che la legge Cirinnà sia un’occasione reale per il riconoscimento dei diritti fondamentali.”
La gallery, in costante aggiornamento, raccoglie tutte le foto inviate tramite messaggio alla pagina Facebook di Agorà; a dare il proprio contributo anche docenti come il professore Marco Bruno Luigi Rocchi. Un piccolo gesto partito da Urbino ma con al suo interno la forza più grande. La forza dell’amore e della libertà.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>