La Ferrari 488 GTB è un sogno, parola di vip

di 

25 febbraio 2016

Cosa accomuna Joe Bastianich, Robert Downey Junior, Gordon Ramsay, Keanu Reeves ed Eric Clapton? Oltre a essere altre personalità del mondo dello spettacolo, i nomi su citati (insieme a tanti altri VIP) condividono anche la passione per il rosso Ferrari e per le supercar prodotte a Maranello. E, fortunati loro, non capita di rado che siano scelti anche come protagonisti di giornate di test drive per i nuovi modelli della scuderia, sfruttando la propria notorietà per vivere un’esperienza eccezionale.

IL FILO ROSSO

D’altronde, se anche un esperto di motori come Jeremy Clarkson, per decenni columnist (ovvero, redattore) del britannico Sunday Times e conduttore del programma BBC “Top Gear”, ha scelto proprio un modello del cavallino rampante per concludere la propria carriera e dare l’addio ai lettori e fan, questo non fa che sottolineare l’unicità della casa italiana. Per la precisione, la star televisiva inglese, in compagnia del batterista dei Pink Floyd, Nick Mason, ha organizzato una giornata speciale a Dunsfold, che ha avuto il suo momento di apice nel giro sulla nuova Ferrari 488 GTB, la biposto sviluppata a partire dal 2015.

PAROLA DI VIP

Stessa occasione, e stesse emozioni, sono state regalate ad altri due personaggi famosi come Keanu Reeves e Gordon Ramsay. Il masterchef scozzese ha guidato la supercar Ferrari in pista a Fiorano, restando particolarmente soddisfatto e commentando le prestazioni con un secco (ma comunque esaustivo) “Un test pazzesco”. L’attore di origine libanese, noto in particolare per l’interpretazione del protagonista di Matrix, si è invece lasciato andare a considerazioni più dettagliate, sempre dopo un test drive a Fiorano, e parlando della Ferrari 488 GTB ha detto: “Ti dà subito una sinergia incredibile. È come se ti fosse cucita addosso. Non c’è dubbio: la Ferrari è un sogno”.

DAL SOGNO ALLA REALTÀ

Probabilmente, tutti gli appassionati di auto sottoscriverebbero questa ultima affermazione, perché la Ferrari è l’auto più presente nell’immaginario collettivo, simbolo di prestazioni eccellenti, di velocità, di piacere e, in una parola, di lusso. Eppure, c’è la possibilità di trasformare questo sogno in realtà, grazie ai servizi messi a disposizione da un’azienda come Rse Italia, che organizza delle giornate speciali per gli amanti della velocità e offre l’occasione per guidare una Ferrari 488 GTB in pista, dal Nord al Sud del Paese, proprio come fanno i vip.

UNO SGUARDO DA VICINO

Ferrari 488 GTB

Ferrari 488 GTB

La Ferrari 488 GTB è stata la protagonista del Salone di Ginevra dello scorso anno, dove ha catturato lo sguardo e le attenzioni di curiosi e di addetti ai lavori. Dal punto di vista generale, questa vettura si mette nella scia della tradizione di Maranello inaugurata esattamente quaranta anni fa con la Ferrari 308 (da cui riprende anche il profilo delle fiancate), ovvero berlinette due posti con motore a 8 cilindri in posizione centrale-posteriore, ma con in più una serie di soluzioni e innovazioni tecnologiche che servono a dare una “rinfrescata” al mito. Anche il nome è un omaggio al passato, perché riporta la cifra di un singolo cilindro (che, moltiplicato per 8, dà come risultato 3.902 cc), mentre la sigla GTB era stata giù usata per altri modelli storici.

IL SUONO DELLA POTENZA

La Ferrari 488 GTB, come notato anche da Keanu Reeves, è stata studiata proprio con l’obiettivo di facilitare la vita e rendere agevole la guida anche da parte di chi non abbia particolari esperienze nel campo della velocità: nonostante infatti i ben 670 CV di potenza e una coppia massima di 760 Nm, il cambio a doppia frizione con 7 rapporti, derivato dalla Formula 1, e l’introduzione del sistema Variable Boost Management consentono una migliore e più facile gestione di questo pauroso potenziale. Per gli amanti dei numeri e delle statistiche, basta dire che, grazie anche allo studio dell’aerodinamica con soluzioni come lo spoiler e il fondo con generatori di vortici, questa berlinetta è in grado di accelerare da 0 a 100 chilometri orari in appena 3 secondi, e di raggiungere una velocità massima velocità massima di oltre 330 km/h.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>