Meningite acute, bimba di 3 anni ricoverata: e su FB si scatena la polemica aspra sui vaccini

di 

25 febbraio 2016

ospedale pesaroFANO – Un post su Facebook, sempre più piazza senza veli per affrontare tematiche importanti, ha scatenato il dibattito. La feroce polemica fra vaccinisti e antivaccinisti.

“Caso di Meningite acuta batterica da Pneumococco in bimba di 3 anni residente nella nostra EX-ZT 3 Fano – scrive sulla pagina Fb La Fano che ci piace o non ci piace un medico del Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento Prevenzione Pesaro Asur Marche Area Vasta 1 – Si controlla la situazione vaccinale: tutte le vaccinazioni sono state rifiutate sin dalla prima chiamata. Dispiace molto che i genitori si siano trovati in questa grave e preoccupante situazione, così come la bimba non si sia potuta difendere da questa minacciosa malattia per la quale il vaccino è già raccomandato sin dai 3 mesi di vita. Un augurio alla piccola di completa guarigione ed un appello a tutti i neo-genitori a non pensare che tutte le vaccinazioni raccomandate e gratuite siano superflue o pericolose, bisogna temere le gravi malattie e non i vaccini che salvano la vita. Diffidate delle parole che discreditano le vaccinazioni lette su Internet o pronunciate da pseudo-medici e sanitari non DOCG”.

La bambina, originaria dell’entroterra, è stata trasportata all’ospedale di Fano e poi a Pesaro dove – a quanto è dato sapere – è ancora ricoverata ma starebbe meglio. Non sussiste alcun rischio di contagio perché la malattia è di natura batterica, e quindi non si è resa necessaria la profilassi per le persone entrate in contatto con la bambina.

Sulla rete si è scatenato il dibattito anche aspro sulla necessità di vaccinare. C’è chi sottolinea la loro utilità estrema, richiamando l’aumento dell’aspettativa di vita, e chi invece esprime dubbi circa gli effetti collaterali che potrebbero verificarsi.

Comunque uno la pensi, colpisce l’acredine fra due gruppi di persone che, richiamandosi a fonti differenti, probabilmente non riusciranno mai a mettersi d’accordo… ma forse, vista l’oggetto della discussione, è normale così.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>