Vis, Amaolo sorride ma frena: “Il difficile viene adesso che siamo fuori dai playout”

di 

28 febbraio 2016

Vis Pesaro

Daniele Amaolo, allenatore della Vis Pesaro

FERMO – Finalmente una Vis corsara. Dopo le cinque vittorie consecutive in casa, i biancorossi pesaresi hanno sfatato il tabù trasferta, dopo erano usciti sconfitti nelle ultime tre circostanze. Merito di una gara intelligentissima tatticamente in quel di Fermo, dove i canarini – temibili nonostante le assenze di Misin e degli ex Omiccioli e Forò – non hanno portato chissà che pericolo dalle parti del sempre più sicuro Molinaro. Nella ripresa, poi, ci ha pensato Falomi, a realizzare una punizione di rara bellezza che lui stesso si era conquistato. Falomi che era entrato da poco, così come accaduto sette giorni prima a Costantino contro il San Nicolò. Quando si dice azzeccare i cambi…

“Ho sempre detto che ho diverse soluzioni, e che quindi anche chi rimane in panchina deve essere bravo a farsi trovare sempre pronto – sorride dopo l’1-0 della Fermana Daniele Amaolo, l’allenatore della Vis – Ho azzeccato i cambi? Merito dei ragazzi, che hanno capito il concetto che non è importante la quantità ma la qualità dei minuti giocati da ognuno. Tutti devono sentirsi titolari, anche perché sono due buone prestazioni, quella di chi gioca dall’inizio e quella di chi subentra, a farne una super”.

Sulla partita in sé, Amaolo – che abita a 7 chilometri dallo stadio Recchioni – ha lodato la prestazione dei suoi: “Abbiamo tenuto il campo bene, giocando palla a terra come piace a me, andando anche con discreta continuità sugli esterni, offrendo un buon gioco. Il tutto condito da personalità, dal primo al 94’. E poi non abbiamo concesso praticamente nulla, sfruttando l’episodio che ha deciso una gara fin lì abbastanza equilibrata”.

E’ la prima volta che la Vis esce dalla zona playout: “Sì, ma il difficile viene adesso – frena Amaolo – Abbiamo iniziato la rincorsa da penultimi e oggi saremmo salvi, però non dobbiamo mollare di un centimetro, altrimenti sprecheremmo tutto ciò che abbiamo fatto finora”.

Con Jaconi squalificato, per la Fermana parla Angelo Cetera: “Una sconfitta amara. Eravamo partiti bene, giocando un buon primo tempo con un paio di ripartenze che potevano avere esito migliore. Poi nel secondo tempo siamo stati ingenui a concedere quella punizione, e dopo il gol subito non siamo stati incisivi per provare a pareggiare. E’ mancato qualcosa là davanti? Sicuramente in qualche situazione dovevamo essere più concreti e cattivi. E’ mancato un po’ di peso specifico in area. Sostituzioni tardive? Non direi. Russo ha giocato un’ottima partita ma aveva speso tanto, Molinari non ha più di 20 minuti sulle gambe. I playoff? Prima bisogna pensare a salvarsi, poi eventualmente si potrà pensare a qualcosa per cui comunque questa squadra lotta tutta assieme”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>