Alex Baldolini racconta in esclusiva a Pu24 la “sua” Phillip Island

di 

2 marzo 2016

Alex Baldolini*

Ciao PU24,

È appena iniziata una nuova stagione ed eccomi di ritorno! Sono tornato da poco dall’Australia dove il weekend è andato piuttosto bene. Ma non fatevi trarre in inganno non è stato affatto semplice…Io ed il mio team abbiamo dovuto lavorare sodo durante i 10 giorni in cui siamo stati “down under” come dicono gli inglesi. Siamo atterrati sabato sera a Melbourne e domenica mattina ci siamo diretti in circuito; una volta aperte le casse e montato il box ci siamo disposti a sistemare la moto che era ancora senza la nuova centralina (per il nuovo regolamento). I tecnici MV ce l’hanno solo consegnata domenica pomeriggio sul tardi e ovviamente non è stato sufficiente attaccarla perchè tutto funzionasse…anzi i ragazzi sono dovuti stare in piedi tutta la notte per terminare la moto e non sapevamo neppure se fosse andata in moto, ma lunedì c’erano i test e dovevamo girare sì o sì. Fortunatamente i miei tecnici sono davvero bravi e lunedì mattina la moto è partita, dopo vari aggiustamenti le cose sono iniziate a migliorare poco a poco e alla fine dei due giorni di test i tempi e le sensazioni non erano affatto male. Il week end di gara è filato via abbsatanza liscio, venerdì abbiamo finalmente potuto far funzionare anche l’acquisizione dati (nei test avevamo girato senza perchè c’erano problemi e non funzionava) e le cose sono migliorate ulteriormente; sono riuscito a qualificarmi per la superpole 2 direttamente, facendo registrare il 7ºmiglior tempo. In superpole sono poi finito 6º in seconda fila; avrei forse potuto fare qualcosina meglio visto il mio “ideal time” ma evidentemente non sono stato in grado di mettere insieme i miei migliori settori in un unico giro. Le sensazioni erano comunque ottime, le gomme sembravano lavorare bene anche dopo molti giri ed ero costantemente veloce senza “grossi problemi” .

Questo slideshow richiede JavaScript.

La gara è stata davvero bella e combattuta, sono partito bene e sapevo di avere il ritmo per poter rimanere insieme al gruppo di testa. È stato davvero divertente e appagante lottare per le posizioni di testa durante i 18 giri di gara. Alla fine ho chiuso 6º ed abbastanza arrabiato, poichè stavo studiando le mie mosse per attaccare durante l’ultimo giro, ma alla Honda Corner, Gamarino è arrivato decisamente lungo e ha fatto “sponda” su di me, il risultato è stato perdere tempo e posizioni, sono riuscito comunque ad avere la meglio su Gino Rea e chiudere in 6ªposizione. A fine gara ero arrabbiato perchè sapevo che senza il contatto avrei potuto lottare per il 4º-3º posto, ma alla fine queste sono le gare, vorrá dire che la prossima volta staró piú attento e saró anche io piú aggressivo. Tutto sommato è stato un weekend positivo, e dopo l’enorme lavoro fatto durante l’inverno e in questi ultimi 10 giorni ci meritavamo un bel risultato. Chiudere a soli 3 secondi dal primo e ad 0,7 dal secondo (visto l’imprevisto all’ultimo giro) è comunque un ottimo risultato e ci fa ben sperare per il proseguio della stagione. Tra pochi giorni ripartiremo per la Thailandia dove vogliamo riprendere il nostro lavoro dove l’abbiamo lasciato per continuare a migliorare e puntare al nostro obiettivo che è il podio. Voglio ringraziare nuovamente i ragazzi del team e le persone che ci supportano rendendo possibile la nostra avventura!

*Pilota Motomondiale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>