Super Italservice: il PesaroFano batte il Prato 5-1 consolidando il 5° posto. E ora le Finals

di 

5 marzo 2016

Il calciatore dell'Italservice PesaroFano Jelavic in gol

Il calciatore dell’Italservice PesaroFano Jelavic in gol

PESARO – Quando il gioco si fa duro, il PesaroFano inizia a giocare. Se non ricordiamo male il detto popolare recita così. O perlomeno così suona bene, perché a vedere la prestazione esibita dall’Italservice oggi pomeriggio al PalaFiera al cospetto di una delle squadre più forti e più in forma del campionato, la frase calza a pennello.

Primo tempo di grande qualità, secondo tempo di enorme intensità. Risultato: 5 a 1 ai danni del Prato che nella quartultima giornata pesa una tonnellata. In termini di punti, perché permette di restare in solitario al quinto posto, staccando di 3 lunghezze la Real Arzignano (sconfitta dalla Maran). In termini di fiducia, perché permette di affrontare al top le imminenti Final Eight di Coppa Italia di serie A2. Finals che i biancorossogranata vivranno da detentori del titolo nonché da padroni di casa, al PalaFiera, con l’onere e l’onore di ospitare tutte le altre concorrenti sia del tabellone maschile che quello femminile di serie A, anch’essa di scena sul parquet pesarese dal 10 al 13 marzo prossimi.

Il 5 a 1 che vale come un diamante è frutto di una prima frazione di gioco in cui Pedaleira sblocca, Rossi raddoppia e Jelavic triplica su tiro libero. A proposito del croato: in assenza di Tonidandel la fascia di capitano è stata sua. E lui l’ha “ripagata” con una delle migliori prove personali da quando indossa la casacca dei rossiniani. Testa, tecnica, fisico, carisma. Tutto al servizio della squadra. Poderoso è l’aggettivo che più gli si addice dopo questa gara in cui era anche chiamato a riscattare un paio di espulsioni sciocche nelle gare precedenti. Una prova da grande leader.

Nella ripresa il Prato ci prova con tutte le sue forze. Ma la difesa di casa è granitica. Napoletano spacca tutto, Moretti para tutto, gli altri corrono come forzennati. Pedaleira viene espulso per doppia ammonizione, ma se ne accorge solo il tabellino. Perché gli ospiti trovano sì la rete della speranza a 5 minuti dal termine, ma il PesaroFano reagisce chiudendo la pratica con i centri di Moretti (con un pallonetto molto simile a quello sferrato contro Orte 15 mesi fa, chi sa, sa) e ancora Rossi.

Grande, grandissimo PesaroFano. Proprio quello che ci voleva per arrivare carichi a mille alle Final Eight. C’è un titolo da difendere e l’Italservice davanti al proprio pubblico è pronta a farlo. Appuntamento al PalaFiera la settimana prossima, dal 10 al 13 marzo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>