Riecco la Consultinvest. Pesaro batte Trento 79-72 con Lacey che la trascina al 13esimo posto

di 

9 marzo 2016

PESAROLa Vuelle pesca il jolly e nel recupero della 21esima giornata, batte Trento col punteggio finale di 79 a 72, al termine di una partita bruttina, giocata male da ambo le parti, che Pesaro ha avuto il merito di portare a casa trascinata da Lacey. Mentre Daye, dopo aver sparacchiato per 35 minuti, trova il guizzo al momento giusto e centra la tripla che ha dato il via al parziale decisivo. Con questa vittoria la Consultinvest risale fino al 13esimo posto e, almeno per tre giorni, guarda con un pizzico di ottimismo in più al futuro, anche se serviranno almeno altre tre vittorie per togliersi definitivamente dai guai.

Vuelle Consultinvest-EA7 Armani Milano

Le indicazioni di Paolini a Lacey

Trento senza Berggren, fermato dall’influenza, Pesaro al completo con il consueto starting five “all strangers”, in un Adriatic Arena con qualche vuoto in più rispetto al solito, causa turno infrasettimanale. Parte forte la Dolomiti Energia, con Wright a siglare il 9 a 2 ospite dopo 2 e 17 di gioco, con coach Paolini che è già costretto a chiamare timeout per cercare di dare una svegliata ad una Vuelle pasticciona e confusionaria, un arresto e tiro di Christon riporta Pesaro su meno tre, anche se l’attacco biancorosso continua ad eseguire lo schema uno. Quello che chi ha la palla in mano decide di tirare sempre e comunque. Si iscrive a referto anche Daye con una tripla, dopo che Austin si è preso un paio di stoppate nei suoi tentativi di liberarsi dentro l’area. Ma Trento si mantiene avanti sfruttando i rimbalzi offensivi dei suoi lunghi. Più reattivi rispetto ai pesaresi. E ci vogliono due liberi di Lydeka per riagguantare la parità a quota 15, con il lituano che schiaccia in contropiede il primo vantaggio casalingo, costringendo stavolta coach Buscaglia a chiamare il suo primo timeout, in un primo quarto bruttino che si chiude sul punteggio di 21 pari.

Un’entrata di Christon inaugura il secondo quarto, con Daye che porta la Vuelle sul 25 a 21, in una partita che continua a non brillare per la qualità messa sul parquet dalla due formazioni. Lacey con un bel jump dai sei metri e Gazzotti in entrata, portano Pesaro sul 31 a 23, con Trento che risponde con Sanders al primo tentativo di fuga pesarese, con la Consultinvest che si schiera a zona per preservarsi dai falli avendo già esaurito il bonus. Difesa subito battuta dalla tripla di Forray del 33 a 36, con Paolini che toglie dal campo un buon Gazzotti, per rimettere uno svogliato Daye, prima che Lacey riporti sul 41 a 33 con una tripla finalmente ben costruita, in una partita che continua ad andare a strappi e che vede andare le due squadre andare sugli spogliatoi sul punteggio di perfetta parità a quota 41.

Le statistiche di metà partita evidenziano il brutto 2 su 9 dal campo di Daye, in un primo tempo dove Pesaro ha tirato sotto il 50% e ha catturato tre rimbalzi (19-22) in meno degli avversari, con Lydeka miglior realizzatore dei suoi con 10 punti.

Una tripla di Forray inaugura il terzo quarto, con l’oriundo che porta Trento sul 46 a 41, con un break aperto di 13 a 0 a cavallo dei due tempi, che viene chiuso da un gioco da tre punti di Christon, si segna poco da ambo i fronti, con tanti errori gratuiti e non procurati, con tanto di violazioni di passi commessa da Shepherd su un contropiede tre contro uno, Forray continua a fare il bello e il cattivo tempo e al 27’ la Dolomiti Energia conduce per 53 a 49, con il pubblico che comincia a rumoreggiare vedendo una Vuelle arraffona, con poche idee e tanta confusione in testa, Daye continua a spadellare e l’attacco biancorosso è tutto sulle spalle di Lacey. Che con un gioco da tre punti riporta Pesaro sul meno uno (52-53), prima di effettuare il sorpasso nell’azione successiva, in un terzo quarto che si chiude con Trento in vantaggio per 57 a 56.

Ci aspettano dieci minuti di brutta pallacanestro, ma questo passa il convento e due liberi di Daye inaugurano l’ultimo quarto, con la curva biancorossa che scende in tribuna per far sentire il loro sostegno ad una Vuelle che non riesce ad esprimere tutto il suo potenziale e deve subire la tripla di Wright del 58 a 61. Con Christon che arriva a quota 15 punti per il 62 a 64 a quattro minuti dal termine, si continua a segnare col contagocce e la precisione dalla lunetta sarà determinante, con Lydeka che impatta a quota 64 e Daye che fa due su due per il 66 a 64 casalingo, prima di trovare finalmente la tripla del 69 a 64 a 120 secondi dalla sirena. Sanders accorcia dalla lunetta (69-66) e su una veronica di Lacey, Pesaro risale a più cinque (71-66), con Pascolo che riaccorcia dalla lunetta (71-68). Si entra nell’ultimo minuto e Lacey infila un arresto e tiro dai 6 metri per il 73 a 68, con Sanders che commette violazione di passi e consegna la vittoria in mano alla Consultinvest, che mette il sigillo sul match con i due liberi a segno di uno straordinario Lacey (23 punti),c’è ancora il tempo per vedere Peppe Poeta segnare in entrata e Trento continuare nella tattica del fallo sistematico, ma la sirena finale sancisce la vittoria della Vuelle col punteggio finale di 79 a 72.

CONSULTINVEST PESARO – DOLOMITI ENERGIA TRENTO 79-72

Consultinvest Pesaro: Basile 0, Shepherd 2, Gazzotti 7, Lacey 23, Christon 15, Daye 20, Solazzi 0, Candussi 0, Lydeka 12, Ceron 0. All. Paolini

Dolomiti Energia Trento: Poeta 5, Sanders 9, Pascolo 15, Forray 16, Flaccadori 0, Bellan 0, Sutton 2. Lockett 7, Lechthaler 3, Wright J. 15. All. Buscaglia

Arbitri: Begnis, Sardella, Rabaudo

Spettatori: 4185

Parziali: 21-21, 20-20, 15-16, 23-15

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>