A settembre inaugurerà la piscina di via Togliatti, nel 2017 una piazza per Villa San Martino. Gli annunci di Ricci all’assemblea di quartiere

di 

15 marzo 2016

PESARO – «La piscina Pentathlon di via Togliatti? Alla fine dell’estate termineranno i lavori, a settembre la inaugureremo. E’ il crono-programma confermato la scorsa settimana dal presidente del Coni Giovanni Malagò». Lo dice Matteo Ricci nell’assemblea di Villa San Martino: «E’ un grande risultato: con l’opera di mediazione messa in campo si è risolto il contenzioso, evitando il rischio incompiuta. Sui due piani, solo una palestra rimarrà ‘grezza': l’intenzione è inserire il completamento nel bando di gara, per i futuri gestori». Sull’edificio di via Becci, interessato dalla bonifica dell’eternit: «I lavori di incapsulamento della copertura di 6mila metri quadri partiranno ad aprile e termineranno il 20 ottobre». E il sindaco apre sulla piazza del quartiere: «La volontà è realizzarla davanti alla chiesa, valutando le questioni del parcheggio e della viabilità, che andrà comunque mantenuta. La finanzieremo nel 2017, insieme a quella di Candelara sarà una priorità nell’agenda».

Vsm unoCANTIERI – Per le scuole il sindaco annuncia 270 mila di straordinaria manutenzione, tra Manzoni (secondaria di via Frescobaldi, 70mila euro; primaria di via Leoncavallo, 50mila euro; primaria Don Milani, 46mila euro; primaria Cantarini, 10mila euro), scuola dell’infanzia Grande Quercia (20mila euro), nido d’infanzia Aquilone (10mila euro), nido d’infanzia Lilliput (64mila euro). Sulle strade: «Asfalti per 413mila euro». Interessate via Boito (74mila euro), via Casella (31mila euro), via d’Arezzo (90 mila euro), via Ponchielli (172mila euro), via San Martino (46mila euro). «Con i ribassi interverremo su via Federici, se anche il quartiere lo riterrà opportuno». Nella lista degli impianti sportivi, dentro «tribuna del campo sportivo; sistemazione degli spogliatoi e ristrutturazione gradinate del campo scuola; riqualificazione dei campi da calcetto e pattinaggio di via Paganini; opere di impermeabilizzazione della palestra Manzoni; installazione delle protezione alla palestra Don Milani; previsione della sistemazione, con investimento privato della vecchia pista di pattinaggio (accanto al campo da calcio, ndr)».

Vsm dueI NODI – Matteo Ricci parte dalla riqualificazione di via dell’Acquedotto: «Vogliamo trasformare l’area da retrobottega a opportunità per la città: diventerà un luogo aggregativo, frequentato da tutte le fasce d’età. Anche per questo nascerà il bocciodromo al posto del deposito di riciclaggio di Marche Multiservizi». Che si sposterà in via Toscana, entro l’estate: «Ripeto: non è una discarica ma un centro per il riciclaggio, dove ci sarà anche una sala conferenze – puntualizza il sindaco davanti al comitato, proiettando i rendering –. Dove deve andare un’attività del genere se non in un’area industriale in cui attualmente i capannoni, almeno per la metà, sono vuoti?» Ancora: «Proprio perché non è una discarica, non sono state necessarie varianti. E’ un accordo tra privati: Marche Multiservizi prende in affitto un capannone che mantiene la destinazione precedente, per attività produttiva. Oggi il centro è del tutto compatibile con quello che c’è. Su via Toscana, semmai, il problema è l’alto numero dei capannoni sfitti. Urbanisticamente bisogna liberalizzarla, prevedendo anche attività commerciali, oltre che artigianali e industriali». Sul distributore di benzina in fondo a via Solferino: «La questione non è nelle mani del sindaco. Il punto è collegato alle normative di liberalizzazione sul tema: se il distributore è fatto a norma di legge si può fare, altrimenti no. Dal punto di vista della sicurezza, che giustamente si richiede, la competenza è dei vigili del fuoco. Il sindaco può intervenire per gli aspetti legati alla mitigazione». Sullo spostamento dell’attività di inerti tra interquartieri e autostrada: «E’ un’area del Comune. Permutata per spostare un deposito attualmente di fianco al cimitero, dove vanno migliaia di famiglie, per completare il parcheggio del San Decenzio. E’ stata presa una decisione in termini di collettività generale. Se necessario, lavoreremo per attutire l’impatto dell’attività».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>