“Il tempo del bacio. L’amore senza labbra”. Il ‘peso’ del bacio durante il sesso nella rubrica di de.Sidera

di 

16 marzo 2016

dott.ssa Arianna Finocchi*

“Il rapporto sessuale può essere mercificato, mentre nessuno ha mai pagato per un bacio alla francese”. Questa affermazione del Professor Emmanuele Jannini, specialista in Endocrinologia generale, malattie metaboliche, Andrologia e Medicina della Sessualità, Psicologia applicata all’Endocrinologia, apre una riflessione sul mondo delle coppie e non solo.

Durante un rapporto sessuale la carenza di baci può portare conseguenze molto spiacevoli perché il partner che desidera baciare e non è ricambiato può avere la percezione di non essere realmente desiderato in quanto partner, ma solo come oggetto sessuale a prescindere dall’individualità. Quando ci si innamora, quando si prova una passione forte per qualcuno, lo si desidera a 360° e quando lo si guarda, il nostro sguardo si concentra per lungo tempo sulle labbra: se ne desidera il contatto, il bacio è ciò che agogniamo per prima cosa.

bacio.dolce_.abbraccio.a.letto_.153489Decantato da poeti e musicisti, immortalato da pittori e scultori, il bacio è il simbolo dell’amore coniugale e del romanticismo, della passione, un atto che distingue l’uomo dal resto del regno animale. Il bacio è così importante in un rapporto che esiste addirittura una scienza che studia lo studia: la filematologia. Sono molti gli scienziati che hanno studiato la funzione del bacio in una coppia e ne risulta che il bacio è anche utile per la produzione di anticorpi e sostanza dall’effetto benefico per entrambi. Secondo una ricerca del Lafayette College di Easton, in Pennsylvania, il bacio fa cambiare il livello di ossitocina e cortisolo nella saliva; dopo il bacio il livello di cortisolo (l’ormone dello stress) diminuisce sia negli uomini che nelle donne, riducendo lo stress, mentre il livello dell’ossitocina (sostanza che influenza la disponibilità all’innamoramento) aumenta negli uomini e diminuisce nelle donne. Ecco perché le coppie che risultano più innamorate, più salde e più fedeli, sono quelle che si baciano molto.

L’uomo passa alla donna livelli di testosterone atta a favorire la disponibilità, l’amabilità ed il legame, lo utilizza come mezzo di seduzione. Oltre a questo egli le trasmette una quantità di virus e batteri atti a sviluppare gli anticorpi necessari per sconfiggere la prole futura e che sconfiggono infezioni che possono presentarsi durante la gravidanza. La donna invece passa al partner una quantità di benzodiazepine (ansiolitici) che tranquillizzano e favoriscono il desiderio.

Il bacio ha, tanto per l’uomo, quanto per la donna, la funzione di consolidare il rapporto di coppia. Oltre agli effetti fisiologici (aumento della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna, della profondità del respiro, del diametro pupillare) ci sono dei potenti effetti cognitivo-emozionali che oltre all’appagamento e al piacere effettivo incidono sul pensiero razionale, che si interrompe, diminuisce il controllo e l’autocoscienza, ci si rilassa e si sperimentano le stesse sensazioni dell’innamoramento, alzando il tono dell’umore e migliorando la relazione di coppia.

Le conseguenze sul benessere individuale e di coppia sono rilevanti per entrambi i sessi dunque ed è per questo che, se lo comprendiamo in una relazione strettamente sessuale e senza alcun coinvolgimento affettivo, è quasi inconcepibile pensarlo in una coppia che fa l’amore perché si ama. La bocca, così piena di recettori sensoriali, è fin da piccolissimi lo strumento per conoscere le cose, per nutrirsi e per gustare le fonti di sopravvivenza, dal cibo, ai baci e durante il rapporto sessuale, baciare è comunicare con l’altro in maniera amorevole e intima e può anche fare paura. In una coppia, quando le cose non vanno bene, quando le tensioni crescono e si prepara ad arrivare una crisi, la sfera sessuale è una di quelle che ne risente maggiormente e la mancanza di baci, le sporadiche volte che si fa l’amore è una delle cose più evidenti e una delle evidenze che le donne in particolare soffrono inmaggior misura.

Baciarsi durante l’atto sessuale è un gesto istintivo, naturale, ma non è così per tutte le coppie e unaindagine ci conferma che solo una coppia su quattro si bacia durante il sesso. La maggioranza degli intervistati crede ancora che baciare sia sensuale e che possa dare una svolta alla relazione ma solo il 25% delle persone che hanno un rapporto a lungo termine ammette di farlo mentre fa sesso con il partner, rispetto al 79% tra coloro che hanno un’avventura o un rapporto occasionale. Su una cosa gli intervistati concordano: più si sta insieme e meno ci di bacia durante il sesso. Una volta sparita l’aura romantica e passionale iniziale, quasi fisiologicamente il bacio come modalità affettiva e di desiderio, viene a mancare. Da un punto di vista erotico il bacio “tradizionale” diventa quasi meccanico, di dovere, ma privo di trasporto; nella quotidianità non esiste più e quando si fa l’amore è solo un passaggio obbligato, e molto spesso capita che le coppie non si bacino più né fuori né dentro al letto. La resistenza al bacio indica una barriera profonda, emotiva e fisica, più che razionale. Le cause fisiche possono appartenere al gusto della bocca del partner che non ci piace, al modo di baciare che non si confà al nostro; dal punto di vista affettivo e psicologico invece, il bacio potrebbe essere avvertito come un elemento di perdita della tensione erotica, anziché di aumento. Evitare il bacio è un modo di mantenere l’attenzione.

Certo non si può esigere che il partner ci baci contro la sua volontà, potrebbe essere controproducente e veicolare il messaggio che alcune cose vanno fatte perché si deve e non a seguito di un sincero desiderio. La resistenza al bacio pone nella coppia un quesito di intimità e ricerca dell’altro. Occorrerebbe enfatizzare la sensualità anziché la sessualità e far divenire tutto un po’ più romantico e meno fisico, rimandando ad un piacere pre-sessuale, perché un contatto tra le labbra può essere necessario per riscoprirsi.

*Psicologa, Sessuologa, Psicoterapeuta

de.Sidera, chi siamo:

L’associazione di psicologia e sessuologia “de.Sidera” vuole essere uno spazio culturale di discussione di tematiche psico-sessuologiche, un momento per riflettere sulla propria sessualità, per rendersi consapevoli che il piacere, in ogni ambito, è accessibile, basta volerlo.

L’associazione “de.Sidera” è formata da psicologhe e sessuologhe e si occupa inoltre di servizi alla persona attraverso consulenze all’individuo, alla famiglia e alla coppia e fornisce servizi di consulenze ai professionisti.

Siamo a Fermignano e potete seguirci su:
www.desidera.psico@wordpress.it

www.facebook.com/desiderando

oppure contattarci su
mail desidera.info@gmail.com
cellulare 348.6516339

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>