Avanti a suon di record: ecco all’Adriatic Arena l’8° World Cup di Ritmica con ‘finestra’ sui mondiali pesaresi

di 

18 marzo 2016

PESARO – Dall’1 al 3 aprile la World Cup di Ginnastica Ritmica torna nell’Adriatic Arena per l’ottavo anno consecutivo. Un anno speciale. Vuoi per il record di nazioni partecipanti – ben 46 – vuoi perchè questa rassegna arriva a poche settimane dall’ufficialità di un altro innalzamento dell’asticella per il rapporto fra Pesaro e la ginnastica ritmica. Già, perchè dal 28 agosto al 5 settembre 2017 Pesaro ospiterà per la prima volta il Campionato del Mondo di Ginnastica Ritmica. Ma intanto la World Cup che torna per l’ottava volta nell’anno delle Olimpiadi di Rio de Janeiro è già un antipasto succulento. Tre giorni con copertura completa di Rai Sport.

Le farfalle azzurre World cup ritmica

Italia alla World cup di ritmica

Nell’odierna conferenza stampa di presentazione nella Sala del Consiglio Comunale Luca Pieri, presidente di Aspes che gestisce l’Adriatic Arena ha enfatizzato “un numero per tutti utile a ritrarre quanto questa sia un’edizione dei record: 46 nazioni partecipanti. Per Pesaro è un immenso numero di promozione territoriale rilanciato a livello internazionale. Il primo merito di questo va ad una straordinaria organizzazione che funziona da 7 anni e che appena finita un’edizione, comincia a ragionare sulla successiva. Nelle altre tappe europee della World Cup ci sono 15-16 nazioni partecipanti. E invece a Pesaro vogliono esserci tutti: per la città, per la bontà dell’organizzazione e per un’Adriatic Arena che si conferma un valore aggiunto”.

 

Presente in Comune anche il presidente della Federazione Ginnastica d’Italia Riccardo Agabio: “Noi abbiamo fatto un tifo sfegatato anche perché si facesse la Coppa Davis a Pesaro – scherza – Altirmenti volevano farla a Desio dove la nostra nazionale si allena regolarmente”. Una battuta che ne trascina un’altra: “Quando mi hanno chiesto chi poteva essere il nome giusto ad organizzare un Campionato del Mondo, non ci ho pensato due volte a dire il mio: Paola Porfiri!” Già, perché per Agabio “lei è una garanzia a livello internazionale e Pesaro è una garanzia per questo sport. Non dimentichiamo che oltre il Campionato del Mondo arriverà dopo la World Cup, il Campionato Europeo di Ginnastica Aerobica e il grande contenitore di Ginnastica in Festa che allestiamo sempre in questo territorio

Alla conferenza di presentazione dell’ottava edizione della World Cup anche Fabio Sturani nella doppia rappresentanza di Regione Marche e Coni: “Con Filippo Colombo e Paola Porfiri c’è un team collaudato al successodice – questo sarà un evento ancor più importante perché avviene a meno di 6 mesi dalle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Pesaro si conferma una delle città più votate al turismo sportivo. Quello che conta mediamente il 10% del turismo in generale, ma che qui mostra numeri ancora più alti per una città che ha saputo investirci con oculatezza e lungimiranza. Tanti eventi che si susseguono e sono il migliore modo per candidare Pesaro a Città europea dello sport 2017 grazie a questo mix di infrastrutture, sensibilità e capacità organizzativa. La World Cup è stata anche scelta come uno dei grandi eventi del Coni come momento di preparazione a Rio 2016

Italia premiazione World cup ginnastica ritmica a PesaroPer l’assessore comunale allo Sport Mila Della Dorache Pesaro sia candidata a Città Europea dello sport continueremo a ripeterlo fino a novembre 2016, quando poi spereremo di poter dire altro. Ma la città si dimostra capace di accogliere grandi eventi non solo per l’anno in cui è candidata, ma anche per gli anni passati e per quelli futuri. Questo perché ci crediamo indipendentemente dalla candidatura. Crediamo nello sport e nei suoi valori a tutti i livelli e in ogni genere di disciplina. Doveroso ringraziare Paola Porfiri per quello che ha fatto in 7 anni. Ha portato il nome della nostra città in giro per il mondo

Paola Porfiri che rigira gli elogi: “perché –dice – dietro di me ci sono tante altre persone, a cominciare da Aspes e Federazione. L’Aurora Fano da sola non avrebbe mai organizzato un Campionato del Mondo. Mi ricordo ancora quando 8 anni mi recai nell’ufficio di Agabio. Mi aspettavo più titubanze e invece ci fu subito grande fiducia ed è fondamentale che la Federazione sia dalla nostra parte”. Poi naturalmente c’è il sostegno di una Nazionale Italiana che si presenta con i galloni di vice campione del mondo. E la Porfiri fa qualche confronto fra la tappa di Pesaro e l’ultima di Lisbona: “In Portogallo ci sono 36 individualiste in gara, a Pesaro ne avremo 65; a Lisbona 9 squadre, a Pesaro 19, mentre a un campionato del mondo ce ne saranno circa 23. Ecco perché anche l’organizzazione del Mondiale non ci spaventa. Anzi, avremo più tempo per diluire le gare rispetto al tour de force di tre giorni che ci aspetta dall’1 al 3 aprile. Ma siamo pronti: ospitiamo 46 nazionali quando a un campionato del mondo la portata salirà fino a 55-62 nazioni

In questa quindicina di giorni che ci separa dall’evento, chi non l’avesse ancora fatto potrà acquistare gli ultimi biglietti sia direttamente negli uffici dell’Adriatic Arena (www.adriaticarena.it¬) che attraverso i canali di Ticketone (www.ticketone.it) e rivendite autorizzate).

Saranno in tanti con la propria spinta a cercare di far volare in alto le Farfalle azzurre, giovani e talentuose. L’allenatrice Emanuela Maccarani ha selezionato per questa rassegna iridata una squadra composta da Marta Pagnini (C.S. Aeronautica), Sofia Lodi (Brixia Brescia), Andreea Stefanescu (C.S. Aeronautica), Alessia Maurelli (Estense Putinati), Camilla Patriarca (C.S. Aeronautica) e Martina Centofanti (Ginnastica Fabriano). Gareggeranno invece nel concorso individuale Veronica Bertolini (San Giorgio ’79 Desio), Alessia Russo (Armonia d’Abruzzo), Carmen Crescenzi (Armonia d’Abruzzo) e Letizia Cicconcelli (Ginnastica Fabriano). Del Team 2, che prenderà parte all’8^ International Tournament, farà parte pure il gioiellino della Pinguino Viaggi Aurora Fano Sofia Bevilacqua (nella foto), che con Paola Porfiri, storica anima dell’Aurora e presidente del Comitato Organizzatore, terranno alto il nome della ginnastica ritmica fanese.

Sul sito internet della manifestazione, www.rgworldcup-pesaro.it, è comunque possibile consultare la lista di tutte le ginnaste partecipanti alla tappa di Coppa del Mondo ed al Torneo Città di Pesaro annesso, le cui adesioni hanno battuto ogni record. Per tutte le Nazioni questo appuntamento sarà indubbiamente fondamentale, perché di preparazione per le Olimpiadi di Rio de Janeiro di Agosto. Ed anche quest’anno saranno graditi ospiti della World Cup di Pesaro proprio quattro olimpionici, appartenenti ad alcuni dei gruppi sportivi delle Forze Armate a conferma del forte legame creatosi tra la Coppa del Mondo e lo Stato Maggiore della Difesa.

Ginnastica ritmica World cup PesaroSi tratta di atleti fiore all’occhiello dello sport italiano del calibro di Flavio Cannone (trampolino elastico) dell’Esercito Italiano, Massimiliano Mazzucchi (tuffi) della Marina Militare, Carmen Lionetti (tiro con l’arco) dell’Aeronautica Militare e Luigi Tarantino (scherma) dell’Arma dei Carabinieri. La World Cup di Pesaro è stata inoltre scelta dal CONI quale sede per la presentazione di Italia Team – Rio 2016, la grande famiglia azzurra che sull’onda del claim “I sogni non si inseguono con i piedi per terra. Pronti a volare” si appresta a vivere da protagonista l’appuntamento olimpico. Il CONI ha investito fortemente sulla Squadra Italiana, simbolo di fiducia, tenacia e impegno, perché in questo momento storico lo sport torna a rappresentare il motore di ripartenza dell’intero Paese. L’Italia Team è l’Italia che ha voglia di un cambiamento, mossa da valori positivi, desiderosa di emozionarsi ed emozionare dando voce ad un sentimento che proviamo da più di cento anni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>