Bel momento Vuelle, ma la battaglia non è finita. Domenica spedizione complicata a Cremona

di 

18 marzo 2016

PESARO – Senza guardare in alto. Osservando la classifica e seguendo la logica dei numeri. E’ vero che Pesaro sarebbe più vicina al piano di sopra che a quello di sotto, ma rimanere coi piedi per terra, non solo è doveroso, ma è anzi obbligatorio per una Consultinvest che è sicuramente reduce da un periodo positivo, ma che non per questo deve pensare di aver già sbrigato la pratica salvezza. Infatti Torino non è una squadra allo sbando, già rassegnata alla retrocessione, ma è ancora una formazione viva e vegeta, che domenica scorsa è stata battuta da una Capo d’Orlando pienamente ritrovata, con l’arrivo di Boatright che ha virtualmente tolto dai guai i siciliani. E anche il calendario sembra ancora dare qualche possibilità alla Manital, che dovrà ospitare Trento, Avellino e Brindisi, mentre in trasferta è attesa da Pistoia, Sassari e Bologna, prima naturalmente del match casalingo contro Pesaro in programma all’ultima giornata. Sei incontri non tutti impossibili – almeno sulla carta – e se non li vincerà tutti e sei, verosimilmente almeno quattro sono alla sua portata, per un totale di 20 punti virtuali, e se la Vuelle si trovasse a quota 22 alla ventinovesima giornata, tornerebbe in auge il famigerato spareggio del prossimo 30 aprile. Quando si dovranno tirare le somme di un campionato equilibrato, che ancora ha la sua dose di fascino, nonostante la Legabasket stia facendo di tutto per complicarsi la vita, con la querelle Eurolega-Fiba che è stata gestita in modo dilettantistico. Perché società come Sassari, Trento e Reggio Emilia si sono subito dissociate dalla decisione della Legabasket di schierarsi con la Fiba e si sono iscritte all’Eurocup.

Vuelle ConsultinvestMa il pessimismo finisce qui, perché è giusto sottolineare come Torino non sia l’Armani e se finora ha vinto 6 partite su 23, qualche problema da risolvere ce lo dovrà pur avere. Ed è anche vero, che la Consultinvest non è più la squadra anarchica di gennaio e le ultime quattro giornate – vittorie casalinghe contro Reggio Emilia, Trento e Sassari, sconfitta in extremis a Brindisi – hanno dimostrato che la Vuelle ha assunto una sua fisionomia. Magari non bellissima, ma redditizia. Con Daye che sembra tornato un ingranaggio del meccanismo e non un bellissimo solista, e un Lacey formato Eurolega. Anche se sarebbe il caso di non fargli troppa pubblicità positiva, per allontanarlo dai radar delle big europee, con la speranza che Trevor rimanga in canotta biancorossa anche per la prossima stagione.

Domenica la Vuelle è attesa dalla difficilissima trasferta di Cremona, contro quella Vanoli che in questo momento è giusto un gradino sotto a Milano e Reggio Emilia, ma neanche così lontana, soprattutto se potrà contare su Luca Vitali al 100% quando inizieranno i playoff. Torino invece ospiterà Trento, che ha vinto una sola volta in questo girone di ritorno, ma che non ha certamente abbandonato le speranze di raggiungere i playoff ed è reduce dalla convincente vittoria di 10 punti contro Milano nell’andata dei quarti di finale d’Eurocup, con l’Armani che avrà i suoi bei problemi a ribaltare la differenza canestri nel match di ritorno. Se la Manital non dovesse raccogliere i due punti, potrebbe sprofondare in un tunnel dal quale potrebbe non uscirne più, ma – sulla carta – questo potrebbe essere un turno favorevole a Torino.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

 

VANOLI CREMONA (32 PUNTI) – CONSULTINVEST PESARO (18 PUNTI)

 

Domenica 20 marzo – ore 18.15 –PalaRadi di Cremona

Risultato dell’andata: Pesaro-Cremona 74-86

Diretta televisiva su Rtv San Marino – canale 93 del digitale terrestre

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

La probabile assenza di Luca Vitali, sempre alle prese con i problemi fisici che gli hanno impedito di giocare 9 delle 23 partite finora disputate, potrebbe complicare il lavoro di coach Pancotto. Perché il 30% dei giochi offensivi della Vanoli parte dal pick and roll tra il play e il pivot della Nazionale italiana, con Cusin che sta disputando una delle sue migliori stagioni in carriera – 10.5 punti, 6.5 rimb, 89% dalla lunetta – ma Cremona non è terza in classifica per caso e, oltre al duo azzurro, può disporre di un pacchetto di americani di buonissimo livello, a cominciare da “Mr. Buzzer Beater” Elston Turner, che insieme a Deron Washington e Tyrus McGee, compongono un reparto esterni di primissimo ordine, mentre sotto le plance, a dare una bella mano a Cusin, ci pensa il serbo Nikola Dragovic, lungo di scuola slava, con una buona mano da tre punti.

Per tutelarsi dai problemi fisici di Vitali, Cremona ha ingaggiato il play Markel Starks, autore del canestro della vittoria contro Capo d’Orlando, in una panchina dalla quale esce un gruppo italiano di discreto livello, con il lungo Biligha che sta migliorando match dopo match, coadiuvato da Raphael Gaspardo. Mentre Fabio Mian e Nicolò Cazzolato completano un roster che coach Pancotto ha portato nelle zone nobilissime della classifica, con l’intenzione di non essere una meteora.

 

IL DUELLO CHIAVE

Tau Lydeka

Tau Lydeka

Tau Lydeka vs Marco Cusin: Il lituano è una delle chiavi del buon momento della Vuelle, con la sua buona tecnica sia difensiva che offensiva, ma non avrà compito facile nel limitare un saltatore come Cusin, che può segnare sia sul pick and roll, sia con il suo tiro dai quattro metri, con un occhio attento al rimbalzo offensivo.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

La pesante sconfitta rimediata all’andata sul parquet cremonese, è stato forse uno dei punti più bassi di questa stagione, per una Consultinvest che la settimana successiva avrebbe inserito Daye nel suo roster, passando così da un record di 2 vinte e 7 perse, a quello attuale (9-14). Perché è giusto sottolineare che dall’arrivo di Austin, la Vuelle ha un record in perfetta parità (7v-7p). Cifre che sottolineano ancora una volta, come l’impatto del numero nove biancorosso sul campionato, sia stato importantissimo, anche se insieme a lui è cresciuta l’intera squadra. Infatti per tornare a respirare, la Vuelle ha avuto bisogno di ritrovare Gazzotti e Ceron, portando a sette uomini una rotazione ancora troppo corta per sperare di inserirsi tranquillamente intorno al decimo posto, ma che potrebbe bastare per non doversi guardare più alle proprie spalle, Da Gazzotti, più che i punti, ci siamo sempre aspettati un maggior apporto in fase difensiva e nella lotta a rimbalzo, mentre a Ceron, oltre alle triple, si chiedeva di variare il suo approccio alla partita e le sue scelte di tiro. Compiti eseguiti dai due giocatori nelle ultime vittorie biancorosse e non è un caso che appena il contributo dalla panchina sia tornato a livelli accettabili, in casa biancorossa siano tornate anche le vittorie, perché spremere all’infinito il quintetto, non era una opzione percorribile all’infinito da coach Paolini.

Vuelle ConsultinvestRimangono i problemi di fondo, ovvero un’alternativa valida a Lydeka, un play che dia qualche minuto di riposo a Christon e Lacey e un allenatore in grado di gestire al meglio il tutto, ma naturalmente in casa Consultinvest si andrà avanti così, consapevoli che le carte buone da mettere sul tavolo ci sono e che dovrebbe bastare un bel tris – di vittorie – per aggiudicarsi il piatto finale.

LA VENTIQUATTRESIMA GIORNATA IN PILLOLE

Reggio Emilia proverà a difendere la sua imbattibilità casalinga nell’anticipo di mezzogiorno, che vedrà la Grissin Bon ospitare una Pistoia in fase calante, tra i match delle 18.15, particolare attenzione all’impegno casalingo di Torino, alla ricerca di quei punti necessari per togliersi dall’ultima posizione, mentre Avellino cercherà l’undicesima vittoria consecutiva ai danni di Bologna. Sassari e Capo d’Orlando cercano i due punti per i rispettivi obiettivi, situazione analoga della sfida tra Varese e Brindisi, in una domenica che si chiuderà alle 20.45 con il derby tra la capolista Milano e Cantù, mentre il turno si concluderà con il posticipo del lunedì tra Caserta e Venezia.

I PROSSIMI TURNI DELLA CONSULTINVEST

Sabato 26 marzo – ore 20.30:

Consultinvest Pesaro – Pasta Reggia Caserta

 

Domenica 3 Aprile – ore 18.15:

Umana Venezia – Consultinvest Pesaro

 

Domenica 10 aprile – ore 18.15:

Consultinvest Pesaro – Betaland Capo D’Orlando

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>