“Auguri papà, no Cirinnà”: a Fano striscione di Forza Nuova contro le adozioni gay

di 

19 marzo 2016

FANO – “Auguri papà, no Cirinnà”. Questo recita lo striscione firmato con il logo di Forza Nuova affisso questa mattina da alcuni militanti in via Roma a Fano, su una balaustra del ponte sul Canale Albani.

Il movimento rivendica con un breve comunicato stampa l’azione. “Siamo giunti al punto in cui anche affermare cose ovvie diventa un atto rivoluzionario contro la dilagante follia gender – si legge nella nota – oggi il semplice pronunciare la frase “Auguri papà” potrebbe far innervosire chi, in preda al delirio, vorrebbe introdurre termini grotteschi come “genitore1” e“genitore2”. Vediamo ogni giorno persone, probabilmente bisognose di cure psichiatriche, che vanno affermando nei salotti televisivi e addirittura nelle aule del Parlamento che madre e padre sono semplicemente degli stereotipi, dei meri preconcetti morali quando invece questi stupendi termini racchiudono l’essenza della natura umana e della vita. Incredibile che qualcuno debba difendere istituzioni inviolabili e virtuose che hanno edificato la civiltà che oggi conosciamo, come il matrimonio che per natura non può che essere tra uomo e donna. Ancora più incredibile che qualcuno debba difendere il sacrosanto diritto di un bambino ad avere un padre ed una madre, senza che venga considerato come un articolo da supermercato che arricchisca le multinazionali con l’aberrante pratica dell’utero in affitto, la più moderna opera di sfruttamento da parte di ricche coppie gay”.

Conclusione: “Forza Nuova si opporrà con tutti i mezzi e in ogni sede a questa follia dilagante che insidia le fondamenta della società precipitandola in tempi tanto bui da non essersi conosciuti neppure nell’età della pietra. Per questo oggi gridiamo “auguri papà”, un augurio sincero a tutti i padri di famiglia che lottano ogni giorno per far trovare il pane sulle tavole delle proprie famiglie a dispetto della politica che vorrebbe elevare a fondamento del diritto comportamenti deviati di pochissimi invece di occuparsi dei problemi reali della Nazione”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>