La Guerra Globale dopo le Guerre Stellari: a luglio a Pesaro torna Popsophia

di 

22 marzo 2016

PESARO – Il lato oscuro della filosofia arriva a Rocca Costanza di Pesaro dal 14 al 17 luglio. Dopo il successo delle edizioni precedenti, con la rinnovata collaborazione del Comune di Pesaro e della Regione Marche e con il sostegno del main partner ENEL, Popsophia rilancia la sfida culturale con il tema “il Ritorno della Forza”.

E proprio dal ‘ritorno della forza’, collegando il tema della manifestazione ai tragici fatti di Bruxelles, è partito il sindaco Matteo Ricci: “Quella di oggi è una giornata molto difficile: parlare del ‘ritorno della forza’ è complicato, perché in queste ore c’è stata purtroppo una grande dimostrazione di forza attraverso il terrore, che ci lascia sgomenti e soprattutto ci fa provare grandissimo dolore. Non solo si colpiscono decine di persone innocenti, ma la cosa più grave è che si tenta di far ripiombare nel terrore l’intero continente”.

La forza di Popsophia
“Del resto la manifestazione ha la grande capacità di aprire la testa alle persone – ha proseguito Ricci – in particolar modo alle nuove generazioni. E, in tempi in cui abbiamo un po’ messo da parte il tempo della riflessione e delle emozioni, Popsophia è ancor più importante perché riesce a porre all’attenzione temi di grande attualità, temi filosofici, sempre con un approccio pop, e ciò consente anche di ‘ampliare’ la cultura. Questa è la sfida di Popsophia”.

Non solo
“Per noi – ha concluso Ricci – Popsophia significa anche economia e lavoro. Sono convinto che anche quest’anno avrà grande successo”.

 

“Il programma del festival, ancora una volta, è in sintonia con le inquietudini e le paure del mondo contemporaneo. E non potrebbe essere diversamente, lo scopo di Popsophia è pensare e interpretare le urgenze del presente – ha detto Lucrezia Ercoli, direttrice artistica di Popsophia – Il Ritorno della Forza sarà declinato in una molteplicità di linguaggi, dalla finzione dell’arte cinematografica alla realtà degli eventi storici e politici che sconvolgono l’attualità. Dalle guerre stellari alle guerre globali”.

È stato presentato in anteprima il mini documentario “Star Wars Philosophy” – ora disponibile sul sitowww.popsophia.it – realizzato da Riccardo Minnucci, regista di molti appuntamenti targati Popsophia, che ha spiegato con le immagini il senso di questa scelta: Guerre Stellari non è solo una saga cinematografica, ma una grandiosa mitologia collettiva che ha contagiato il nostro immaginario e il nostro linguaggio.

Una potente metafora cinematografica che apre un confronto con gli “atti di guerra” che terrorizzano l’attualità. E proprio alla parola che l’occidente vuole rimuovere dall’orizzonte del pensabile – la guerra – sarà dedicata un’intera giornata del programma del festival. Dalle riflessioni dei filosofi sul confine tra democrazia e fondamentalismo, tra amicizia e inimicizia, tra libertà e sicurezza. Alla guerra delle immagini simboliche e dimostrative dove finzione e realtà si confondono nei giochi della comunicazione di massa. Dalla filosofia della guerra con Umberto Curi alla teoria del kamikaze con Laurent de Sutter fino al philoshow “The War, il lato oscuro del presente” con Simone Regazzoni.

Come ogni anno, inoltre, è fondamentale la partecipazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale e della dirigente Marcella Tinazzi. Le scuole pesaresi, infatti, sono state protagoniste di tutte le edizioni partecipando attivamente all’organizzazione del festival e proponendo performance musicali e filosofiche originali. Dopo la consegna degli attestati di partecipazione, sono state rinnovate le proposte di collaborazione per l’edizione 2016. Un’occasione per rafforzare il canale privilegiato di confronto con le idee delle nuove generazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>