La sorpresa nell’uovo

di 

25 marzo 2016

Alla vigilia della Santa Pasqua abbiamo un disordine mentale senza precedenti: dobbiamo gioire o attapirarci? Stando agli ultimi eventi, quelli di Bruxelles, sarebbe il caso di tapparsi in casa e scartocciare sommessamente il nostro uovo dopo averlo scannerizzato con il metaldetector, hai visto mai? Ma no. Queste cose succedono solo agli altri! Quindi vai con il week end propiziato dal sole. I tg prevedono un incremento delle gite fuori porta dell’8 per cento. E allora vale la pena di esorcizzare tutte le paure compresa quella che ha sconcertato il paese intero, la strage delle ragazze dell’Erasmus. Dunque basterà controllare che l’autista del nostro pullman sia sobrio, abbia dormito a sufficienza e non abbia litigato con la moglie la sera prima. Eppoi, come si usa dire, “the show must go on” succeda quel che succeda.

Ci siamo persi il quesito iniziale: dunque dobbiamo rallegrarci oppure riflettere sulle disgrazie della vita? La prima, senza dubbio. Perché, come diceva un conoscente estremamente egoista, “morto io…morti tutti”. Una discutibile scuola di pensiero ma ognuno la pensa a proprio modo. Del resto, come sostiene Clint Eastwood, le idee sono come le palle, ciascuno ha le sue. “Detto questo” (espressione idio…matica abusata nel talk show), s’impone di vivere la quotidianità alla meglio perché al peggio non c’è mai fine. Ci aspettano giorni bui ai quali non dobbiamo pensare in queste ore di “serena letizia”. Ci aspetta il canone Rai in bolletta. Ancora non è chiaro se lo pagheremo in due/tre tranches oppure un tot al giorno magari come supplemento al caffè. Però conviene. L’ha detto la TV. Ci aspettano le amministrative e la loro ricaduta sulla nostra vita di tutti i giorni. Ma non vorremo, proprio nei giorni della Resurrezione (non quella di Berlusconi ritenuta impensabile, ndr.), porci il problema se sia meglio Bertolaso o la Meloni?! Male che vada abbiamo quel piacione di Marchini, taglio capelli anni 70, dentatura “sospetta”, balbuzie celata. Non vorremo mica angustiarci al pensiero che, alle spalle di Giachetti, spunti l’ombra di Marino? Oddio tutto è possibile ma, se è vero come è vero che nel Tevere scorre un fiume di droga, speriamo che i romani non si tuffino prima della competizione elettorale. Mentalizziamoci altrove, su tematiche di ben altro spessore. Lasciamo ai gossippari scoprire se la Boschi incontri più o meno della Raggi il favore del maschio latino o se la Morselli schiaccerà il chiodo Vale grazie alle arti marziali. Pensiamo che noi siamo davanti a una tavola imbandita di ogni ben di Dio mentre dei poveri naufraghi s’arrabattano in Honduras pronti a divorare uno scorpione arrosto, qualora si trovi un accendino per approntare un falò. Allontaniamo come possibile, almeno per Pasqua, tutte le negatività e godiamo delle occasioni che ci offre la nostra città.

Durante il Fai, per dirne una, il Moto Club Museum GM ha portato al fantastico Museo Morbidelli 1200 (dicasi milleduecento) visitatori all’esposizione tra le più importanti del mondo. Hai detto niente. Una sorpresa nell’uovo auspicata ma sorprendentemente inattesa. E altre ne arriveranno grazie anche all’apporto della senatrice Camilla Fabbri alla Terra dei Motori.

Museo Morbidelli

Museo Morbidelli

E ancora, fra le iniziative sorpresa nell’uovo pasquale, primeggia il Grande Foglio dei Disegni una geniale intuizione tutta da scoprire prima e da vivere poi.

Il Grande foglio dei disegni

Il Grande foglio dei disegni

D’accordo allora? Cerchiamo di rimuove i malesseri che ci appesantiscono la vita giorno per giorno cogliendo l’attimo appena possibile.

Infine ci piace pensare che, all’interno di un virtuale uovo internazionale, al di là della retorica pace e serenità, si trovi una soluzione/sorpresa per un nostro concittadino che da oltre sei mesi sta scontando un’assurda detenzione in Venuezuela.

Per chi, come noi, ha conosciuto Luigi Federici è assurdo pensare che sia stato tanto idiota da commettere un reato stupido alla luce del sole. Un imprenditore simpatico, pieno di difetti come ciascuno di noi, ma dotato di spirito e soprattutto di intelligenza.

Luigi Federici

Luigi Federici

Questo è quanto. Buona Pasqua a tutti dunque. Su misura se possibile!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>