Sassocorvaro: la visita dell’onorevole Ricciatti all’ospedale per difendere il diritto alla salute

di 

26 marzo 2016

SASSOCORVARO – Ha visitato l’ospedale Lanciarini di Sassocorvaro lo scorso venerdì. Lara Ricciatti, la deputata di Sinistra Ecologia e Libertà, dopo due interrogazioni parlamentari rivolte alla ministra Lorenzin proprio sulle sorti della struttura, è passata di persona nel nosocomio dell’entroterra pesarese.

Una visita per constatare la situazione già compromessa e che potrebbe tornare alle decisioni regionali del dicembre 2015 già dal prossimo gennaio. Stessa sorte potrebbe toccare a Fossombrone e Cagli.

“E’ un ospedale che funziona ma purtroppo vuoto e non sfruttato al massimo – ha detto l’onorevole fanese Lara Ricciatti – Spesso la politica cerca di slegarsi alle proprie responsabile e questo lo hanno fatto il presidente della Regione Marche e il ministro Lorenzin”.

Ricciatti e il sindaco di Sassocorvaro Grossi hanno annunciato che ci sarà una nuova interrogazione e sarà molto dettagliata per ottenere il riconoscimento del decreto Balduzzi per area disagiata. “Hanno fatto sempre calcoli sulla carta e non considerando realmente tutte le località, le più distanti come Montecopiolo e Borgo Pace – ha spiegato Daniele Grossi – Io non chiedo un Torrette ma un’ospedale efficiente per le esigenze del Montefeltro”.

Ricciatti, arrivata dalla città della Fortuna per visitare il nosocomio, ha ribadito che è suo obiettivo garantire diritto alla salute e che continuerà ad interessarsi sulla sorte di tutte e tre le strutture provinciali che potrebbero diventare ospedale di comunità.

Grossi ne approfitta per ringraziare: “Abbiamo bisogno di sostegno in questo momento, specie in Parlamento”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>