L’allarme-bomba che Pu24 ventilava da mesi: richiesta di arresto per “Mister MotoGP”. Ezpeleta messo spalle al muro da Sel e Manos Limpias

di 

30 marzo 2016

PESARO – “Il tesoro evaso del Mondiale. Arrestate Mister Moto Gp”. Questo il titolo che troneggia fra le autorevoli pagine dell’odierna edizione del quotidiano nazionale ‘La Repubblica’. Titolo, articolo e tematica che sintetizzano una bomba che rischia di esplodere in mano al Motomondiale dopo appena una gara consumata e ad un’altra – quella in terra argentina – che è in immediato confezionamento. La bomba è quella della richiesta di arresto preventivo per Carmelo Ezpeleta, numero uno della Dorna. Ma l’allarme-bomba era stato innescato già da diversi mesi da Pu24 e dalla penna del “nostro” Maurizio Bruscolini (leggi qui precedente articolo Pu24 del 19 marzo e del 21 gennaio) E a quanto pare “il Brusco” non si è rivelato una “Cassandra”.

Carmelo Ezpeleta

Carmelo Ezpeleta

Perché il fatto che alla Dorna i conti non tornassero fra fiscalità incerte e relazioni diplomatiche rivedibili l’ha ricordato anche oggi il cronista de La Repubblica Massimo Calandri. Perché Manos Limpias – ovvero il sindacato dei funzionari pubblici spagnoli – ora si è costituito parte civile dopo la denuncia dell’imprenditore italiano Carlo Bottero. Vale a dire il titolare di Sel, azienda italiana che si è occupata della logistica della Dorna.

Il tutto si traduce oggi in una sollecitazione di “prison provisional” per Carmelo Ezpeleta. Ovvero di una richiesta di arresto preventivo formalizzata sulle basi della gravità e reiterazione dei fatti in questione.

Tags: , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>