Florez e la Filarmonica Gioachino Rossini incantano Londra e la Royal Albert Hall

di 

31 marzo 2016

LONDRA (Inghilterra) – Ben 5.000 persone, un’ora di bis, applausi e standing ovation: questi gli elementi che raccontano lo straordinario successo del concerto di Juan Diego Florez con la Filarmonica Gioachino Rossini alla Royal Albert Hall di Londra, diretti dal maestro Christopher Franklin.

In primo piano la musica italiana: Rossini con una esaltante sinfonia del Barbiere di Siviglia che ha scaldato la passione del pubblico e Verdi con l’ouverture del Nabucco, poi le canzoni autoriali napoletane che hanno mandato in visibilio una platea di melomani attentissimi, stregati dall’istrionico Florez.

All’Albert Hall, nel concerto di martedì 29 marzo, insieme alla star della lirica e alla Filarmonica Gioachino Rossini, anche solisti d’eccellenza: il mandolinista israeliano Avi Avital, la fisarmonicista lettone Ksenija Sidorova, un brillante Jean Gambini al contrabbasso, Ivan Gambini alle percussioni e i chitarristi Roberto Gargamelli e Luca Pecchia. Ogni esibizione è stata salutata da applausi scroscianti, chiamati anche dal generoso Florez che ha rivelato aneddoti sulla sua vita, duettando con il pubblico e la chitarra, ribadendo il suo amore per la musica italiana e ricordando la sua carriera legata a doppio filo a Pesaro, la città del Rof e della Filarmonica Gioachino Rossini.

E, anche a Londra, Pesaro ha confermato la sua vocazione di città della musica portando sul palco non solo i musicisti della Fgr, non solo i solisti dell’orchestra Jean e Ivan Gambini, ma anche solisti legati alla città di Rossini attraverso il suo conservatorio. Perché Gargamelli si è diplomato a palazzo Olivieri e Pecchia vi insegna.

Nel rosso fuoco della grande platea londinese il pubblico ha continuato a chiamare Florez, l’orchestra  e i solisti tanto che la perfomance si è protratta per oltre un’ora più del previsto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>