Pesaro, “bomba” in piazza di Forza Nuova contro lo Ius Soli, la cittadinanza basata sul luogo di nascita

di 

31 marzo 2016

PESARO – Ieri in molte città d’Italia i militanti forzanovisti sono entrati in azione per portare l’attenzione sugli effetti dello Ius Soli. Durante il flash mob è stata collocata un’enorme finta bomba di cartapesta nella principale piazza della città interessata. A Pesaro i militanti di FN hanno piazzato la “bomba” nella centralissima piazza del Popolo, a pochi metri dalla Prefettura, nelle prime ore del pomeriggio. L’ordigno di carta, realizzato in modo grossolano e palesemente stilizzato per non creare allarmismi, ha destato la curiosità nei passanti che hanno continuato tranquillamente  la passeggiata anche se sorpresi dalla singolare iniziativa.

“I terroristi di Bruxelles non sono i profughi di oggi ma sono figli e nipoti degli immigrati giunti in Europa decenni fa – dichiara Roberto Fiore, segretario nazionale del movimento – Questo evidenzia un problema culturale, l’integrazione fantasticata dalle sinistre e dai partiti liberali è fallita. Mette in luce, inoltre, un problema pratico urgentissimo: essendo fallita l’integrazione sono fallimentari e dannose le leggi fatte, e che vorrebbero farsi, per imporla a tutti i costi”.

Conclude quindi Fiore: “Forza Nuova ribadisce ancora una volta la necessità di rivoluzionare l’approccio al problema dei flussi migratori e di conseguenza l’impianto legislativo. E’ necessario chiudere le frontiere, rimpatriare tutti i clandestini, sostenere con strutture economiche e finanziarie la rimpatrio degli ospiti, inoltre difendere e ripristinare lo Ius Sanguinis nei Paesi europei”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>