Italservice sconfitta e felice: i playoff sono realtà

di 

2 aprile 2016

L'Italservice PesaroFano esulta

L’Italservice PesaroFano esulta

PESARO – Hurrà Italservice PesaroFano: per il terzo anno consecutivo i biancorossi-granata faranno i playoff per provare la scalata in serie A. L’ultima giornata di campionato ha sancito l’atteso verdetto: la squadra allenata da Roberto Osimani potrà riprovare la scalata verso la massima serie. Tutto ciò nonostante la sconfitta per 5 a 1 sul campo della capolista Came Dosson (Da Silva nel primo tempo ha firmato il momentaneo 2 a 1) che con i 3 punti ha vinto il girone A di A2, aggiudicandosi così l’accesso alla categoria regina. A proposito: complimenti vivissimi alla società trevigiana!

Il PesaroFano potrà provare a fare altrettanto attraverso gli spareggi promozione perché il quinto posto è stato mantenuto. Tutto ciò grazie anche al contemporaneo kappao della inseguitrice Real Arzignano, caduta 3 a 2 ad Imola al termine di una gara dal finale thrilling: Arzignano vinceva 2 a 1 a due minuti dal gong (e così per il PesaroFano sarebbe stato addio ai playoff). Un’Imola campione anche di sportività ha lottato sino all’ultimo istante e ha ribaltato il copione, regalando di fatto il quinto posto finale al PesaroFano. Applausi per la serietà dimostrata dall’Imola che ha chiuso al secondo posto e che per questo sarà proprio l’avversaria dell’Italservice al primo turno playoff. Sarà gara secca ad Imola sabato 16 Aprile. Chi vince vola in finale (che invece sarà con gare di andata e ritorno) contro la vincente di Milano-Prato. Per il terzo anno consecutivo, il sogno della serie A per l’Italservice PesaroFano continua e passa quindi attraverso il postseason.

Ora largo ai meritati festeggiamenti, un po’ di relax, quindi tutti al lavoro per provarci ancora una volta. E chissA’ che non siA lA voltA giustA…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>