Alex Baldolini per pu24: “Vi racconto la gara di Aragon”

di 

5 aprile 2016

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alex Baldolini*

Ciao Pu24!

Come avrete visto in tv, la gara di Motorland non è finita come speravamo! La rottura del motore a metà gara ha privato me e la squadra di un risultato che sicuramente ci meritavamo ma che credo  se continueremo su questa linea non tarderá ad arrivare, ovvero il podio!

È stato un weekend positivo dove dopo i problemi di assetto avuti venerdì, “conditi” pure con una scivolata alla curva due, siamo riusciti a reagire tornando ad imboccare la strada giusta e tornando “prepotentemente” vicino ai primi durante la superpole di sabato. Per la prima volta quest’anno sono dovuto passare per la Superpole 1 (visto che a causa dei problemi e della caduta di venerdì non ero riuscito a classificarmi nei primi 10) con conseguente “pressione” di dover finire ai primi due posti per poter accedere alla superpole 2 e potermi giocare una buona posizione in griglia.La superpole 1 è andata bene e sono riuscito a fare un buon giro subito nei primi minuti e ho deciso così di rischiare e non fermarmi a cambiare una seconda gomma per tenerla per la superpole 2. L’azzardo è andato bene e sono riuscito ad accedere alla superpole 2 con il secondo tempo (insieme a Terol che ha però utilizzato due gomme posteriori). In superpole 2 ho atteso gli ultimi minuti per scendere in pista, avendo solo a disposizione una gomma posteriore “fresca” e devo dire che alla fine non sono andato male e sono riuscito ad agguantare la 7ª posizione in griglia; l’obiettivo di entrare nelle prime 3 file (che per me è molto importante in vista della gara) è stato raggiunto nonostatnte i problemi avuti venerdì ed ero abbastanza felice e fiducioso per domenica viste le ottime sensazioni che avevo in sella.

Domenica sapevo e VOLEVO fare una bella gara (visto che considero questo round come una seconda gara di casa visto che passo molto tempo a Barcellona e molti amici sono venuti in circuito a vedermi e supportarmi), in piú avevo “l’obbligo” di fare bene visto che martedì (oggi che vi scrivo) sarebbe stato il compleanno di Nuria (mia moglie) e ci tenevo a farle un bel regalo (magari una bella coppa). Sono scattato “maluccio” secondo quanto sono abituato a fare ma ho forzato bene la frenata alla prima curva e sono riuscito a recuperare imboccando la prima curva in 4ª posizione. Davanti a me avevo solo i “big” del mondiale (Sofuoglu, Krummenacher e Cluzel) e ho iniziato a seguirli riuscendo a mantenere il loro passo senza grossi problemi. Mi sentivo bene e forte, pronto a elaborare una “tattica” da mettere in azione al momento giusto. Dietro di noi faticavano a tenere il passo e io seguivo il gruppo di testa senza grandi rischi riuscendo a non perdere terreno dalla Kawasaki e Mv ufficiale; così ho deciso di non attaccare e magari attendere la parte finale dell a gara per fare la mia mossa. A circa metà gara, Krummenacher ha attaccato e superato Cluzel alla staccata dell’ultima curva e vedendo che Jules era un po’ in difficoltà ed aveva lasciato spazio mi sono “fiondato” all’interno superandolo per cercare di perdere meno terreno possibile dallo svizzero della Kawasaki che sapevo avrebbe tentato di dare un piccolo strappo avendo visto Cluzel un po’ in difficoltà. Ero sicuro di aver potuto seguire Krummenacher, ma all’uscita della curva la moto è letteralemente “esplosa” e una nuvola di fumo mi ha accompagnato fino al muretto box dove ho “abbandonato” la mia F3. Il motore ha ceduto di schianto ed è stata davvero una mazzata tremenda, ero sicuro di terminare sul podio se la moto non si fosse rotta. Dispiace per i ragazzi del team e per chi ci supporta, ci meritavamo il risultato e stiamo dimostrando che con il nuovo regolamento un piccolo team privato se strutturato bene e con le persone giuste (tecnici, pilota e moto)  può dare del “filo da torcere” ai grandi team ufficiali. Noi di certo non ci abbattiamo, abbiamo avuto la conferma che ce la possiamo giocare con i “grandi” della nostra categoria e ci riproveremo ancora più convinti nelle prossime gare! Non ci resta che attendere il prossimo round di Assen tra due settimane. Saremo di nuovo pronti a combattere!

Ciao!

*Pilota Supersport

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>