“Word slam”, gara letteraria in un “Adotta l’Autore” partito con successo

di 

5 aprile 2016

PESARO – Nell’ambito del festival “Adotta l’autore”, mercoledì 6 aprile alle ore 20.30 al pub “Birracruda” di Villa Fastiggi è in programma “Word slam 4.51/Parole in gara”, una gara letteraria rivolta a ragazzi ed adulti. La serata, ad ingresso libero, vedrà la partecipazione dello scrittore e fumettista Andrea Valente, che giovedì 7 aprile, alle ore 21, sarà anche alla libreria “Le foglie d’oro” di Pesaro per l’incontro letterario “Metti una sera uno scrittore” rivolto a ragazzi e adulti.

Bruno Berni con Lucia Ferrati

Bruno Berni con Lucia Ferrati

Intanto ha riscosso grande successo la giornata di inaugurazione del festival: in concomitanza con i 211 anni dalla nascita dello scrittore Hans Christian Andersen (2 aprile 1805) si è tenuta una “caccia al tesoro letteraria” in compagnia degli attori del “Teatro delle Isole” (con tappe e giochi in varie parti della città), seguita dall’incontro con una figura di spicco nel panorama letterario, Bruno Berni, traduttore dal danese all’italiano dell’opera integrale del grande scrittore di cui restano capolavori come “Il soldatino di stagno”, “Il brutto anatroccolo”, “La regina delle nevi”, “Le scarpette rosse”, “La Sirenetta”,La piccola fiammiferaia”, “I vestiti nuovi dell’imperatore”, “Il compagno di viaggio” e tante altre opere. Berni, che ha anche curato la traduzione italiana dell’autobiografia di Andersen “La fiaba della mia vita”, pubblicata da Donzelli editore, ha evidenziato come il grande scrittore danese, nato poverissimo, sia diventato l’autore più famoso al mondo ed il più tradotto dopo la Bibbia. Produsse 156 testi di generi diversi, definiti “fiabe e storie”, spesso a due livelli, per adulti e bambini.

Caccia al tesoro letteraria

Caccia al tesoro letteraria

“Fu il più grande viaggiatore dell’Ottocento, visto che fece 30 grandi viaggi, di cui quattro in Italia. Andava a cena con Hugo, si incontrava con Dumas, fu amico di Dickens per un certo periodo. Il grande paradosso è che è diventato famoso in tutto il mondo come autore per bambini, mentre sono poco conosciuti i suoi scritti per adulti. Traducendo tutto il corpus delle sue opere, ho voluto restituire Andersen alla letteratura italiana”. Grazie a Lucia Ferrati, voce recitante della serata, il pubblico ha respirato la suggestione di vari frammenti degli scritti di Andersen ed i temi ricorrenti della sua narrazione: personaggi nati poveri o sfortunati che poi, grazie all’impegno, alla fatica e alla provvidenza diventano “cigni”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>