Anziana derubata vicino all’ospedale: i ladri (2 stranieri) l’hanno distratta chiedendo indicazioni

di 

9 aprile 2016

Polizia in azione

Polizia in azione

FANO – Personale della Polizia di Stato in servizio presso il commissariato di pubblica sicurezza di Fano ha denunciato in stato di libertà per i reati di furto aggravato e ricettazione una coppia di cittadini sudamericani, già noti alle forze dell’ordine.

I due venivano individuati dagli agenti del commissariato di Fano dopo che gli stessi avevano derubato un’anziana nei pressi dell’ospedale della città.

In particolare quest’ultima, mentre al volante della sua vettura stava attendendo nel parcheggio l’arrivo di un suo conoscente, veniva avvicinata da uno straniero che iniziava a chiederle informazioni stradali. Nella circostanza la donna, con l’uso di abili tecniche persuasive, veniva indotta a scendere dal veicolo. Dopo alcuni minuti lo straniero, ottenute le informazioni, si allontanava a piedi. Risalita a bordo del mezzo, la donna notava subito la mancanza della borsa lasciata appoggiata sul sedile anteriore destro, contenente il cellulare ed il portafoglio e di conseguenza raggiungeva il commissariato ove sporgeva denuncia.

Le indagini condotte dai poliziotti portavano all’identificazione di due stranieri, un peruviano 25enne ed un boliviano di 27 anni, ritenuti essere gli autori del furto e di acquisire a loro carico indizi circa il loro coinvolgimento in altri tre colpi consumati a Bologna, Pistoia e Roma.

La coppia, rintracciata a Roma, risultava essere specializzata nella commissione di furti in danno di donne anziane alla guida di autovetture, le quali, una vota distratte uno dei due ladri, solitamente con richieste di auto o di informazioni, venivano derubate dal complice, che agendo di soppiatto e con destrezza asportava le borse dagli abitacoli. Emergeva, inoltre, che i due malviventi erano soliti appostarsi nei pressi di supermercati, uffici postali, chiese e ospedali ed, una volta individuata la vittima prescelta, seguirla sino a quando risaliva sulla sua autovettura, per poi agire.

In conclusione la polizia di Stato raccomanda ai cittadini di usare, in tali circostanze, la massima attenzione e di non esitare a segnalare alle forze dell’ordine qualsiasi situazione sospetta che dovesse verificarsi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>