False sponsorizzazioni, la Guardia di finanza passa al setaccio una società sportiva

di 

21 aprile 2016

Guardia di Finanza

Guardia di Finanza

PESARO – I finanzieri del Comando Provinciale di Pesaro, nell’ambito di un’indagine riguardante l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per finte “sponsorizzazioni pubblicitarie”, hanno perquisito le abitazioni di 9 soggetti tra dirigenti, collaboratori e soci nonché le sedi di una locale associazione sportiva calcistica.

Le indagini, coordinate dalla Procuratore della Repubblica di Urbino Irene Lilliu, sono finalizzate ad accertare l’emissione di fatture false per servizi di sponsorizzazione – mai resi o resi in parte – da un’associazione sportiva dilettantistica nei confronti di imprese operanti nella provincia di Pesaro e Urbino e in quelle limitrofe.

L’attività investigativa è stata svolta dai finanzieri della Compagnia di Urbino, anche attraverso la minuziosa analisi dei flussi di numerosi conti correnti, che ha permesso di individuare l’artificioso sistema fraudolento. Allo stato attuale solo una persona è indagata ed i reati ipotizzati dagli inquirenti sono di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>