Sold out per Led Zeppelin-Il martello degli dei: domani in prima assoluta al Rossini

di 

21 aprile 2016

led_zeppelin_mainPESARO – Prima assoluta domani sera, venerdì 22 aprile, di LED ZEPPELIN – Il martello degli dei in programma alle ore 21, al Teatro Rossini di Pesaro.  Si tratta del penultimo appuntamento dell’edizione 2016 di Sinfonica 3.0.  La serata (i biglietti sono esauriti da giorni), vuole essere non solo un giusto tributo ad una band che resta ancora oggi un riferimento imprescindibile nel panorama musicale internazionale di tutti i tempi ma anche e soprattutto l’incontro tra le sonorità sinfoniche di un’orchestra e l’hard rock. La scelta forte di proporre i Led Zeppelin nell’ambito del filone crossover di Sinfonica rappresenta una vera e propria sfida per l’ormai collaudato trio OSR (in versione Rossini Pop Orchestra), Claudio Salvi (concept e testi) e Roberto Molinelli (direzione e arrangiamenti).

Bruno Maronna, Claudio Salvi e Roberto Molinelli: Led Zeppelin, Il martello degli dei

Bruno Maronna, Claudio Salvi e Roberto Molinelli: Led Zeppelin, Il martello degli dei

In programma tutti i maggiori successi della celebre rock band britannica da Kashmir a Stairway to heaven a All of my love a tanti altri. Sul palco ci saranno le voci recitanti di Giuseppe Esposto e di Fabrizio Bartolucci oltre ad una parte narrativa dello stesso Claudio Salvi.

E la band elettrica dei Mothership, una delle tribute band più accreditate in Italia. La formazione trevigiana vede schierati: Simone Romanato voce solista e armonica;  Marco Felix chitarra elettrica e acustica; Manuel Lando al basso e Marco Ferraresi alla batteria.

I Led Zeppelin, formatisi nel 1968, sono considerati tra i grandi innovatori del rock e tra i principali pionieri dell’hard rock. La loro musica, le cui radici affondano in generi diversi tra cui blues, rockabilly e folk, ha costituito una formula completamente inedita per l’epoca, finendo con l’influenzare in qualche modo tutti i gruppi rock del loro tempo e del futuro. Il gruppo, scioltosi nel 1980, anno della morte del batterista, era composto per l’intero periodo della sua attività da Robert Plant (voce, armonica), Jimmy Page (chitarre), John Paul Jones (basso, tastiere) e John Bonham (batteria, percussioni).

La discografia del gruppo comprende nove album in studio pubblicati dal 1969 al 1982. A partire dagli anni novanta hanno visto la luce diverse raccolte di brani, editi e inediti, e alcune incisioni di spettacoli dal vivo risalenti al periodo di attività. Degna di segnalazione è anche la circolazione un cospicuo numero di bootleg sul mercato “non ufficiale”. In seguito alla morte di Bonham, Page e Plant hanno proseguito la propria attività musicale come solisti e ritrovandosi occasionalmente per esibirsi dal vivo nel corso di eventi commemorativi o celebrativi. I Led Zeppelin sono tra i gruppi di maggior successo commerciale nella storia della musica moderna: dal 1968 ad oggi il gruppo ha venduto oltre 300 milioni di dischi. Il 12 gennaio 1995 i Led Zeppelin sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame. In una classifica stilata nel 2003 dalla rivista Rolling Stone, i Led Zeppelin risultano al 14° posto tra i 100 musicisti più importanti di tutti i tempi. La stessa rivista ha avuto modo di definire a più riprese i Led Zeppelin come “Il gruppo più pesante di tutti i tempi, indiscutibilmente uno dei gruppi più duraturi della storia del rock” e “il gruppo più importante degli anni settanta”.

Nel 2007, a seguito dell’incredibile richiesta di biglietti per la loro esibizione al The O2 Arena di Londra (oltre 20 milioni di richieste in circa 24 ore), il gruppo è entrato nel Guiness dei primati per la “maggior richiesta di biglietti per una singola esibizione dal vivo”.

In preparazione alla serata-evento è stata allestita presso i Musei Civici con la collaborazione di Music Store un’esposizione tematica di materiali audio-video, chitarre, libri e cimeli vari collezionati nel corso degli anni da Davide Diotallevi, curatore del sito italiano dedicato a Jimmy Page (www.jimmypage.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>