Fossombrone: i Carabinieri salvano un 50enne deciso a suicidarsi per amore

di 

4 maggio 2016

FOSSOMBRONE – Un salvataggio di un aspirante suicida nato da una segnalazione. Quella che dal 118 con voce fioca aveva farfugliato dell’esistenza di un impiccato a Fossombrone. Il personale sanitario interviene ma non riesce a verificare la comunicazione a causa dalle poche indicazioni ricevute. Sebbene potesse sembrare un falso allarme, la segnalazione viene girata dal personale 118 alla centrale operativa dei Carabinieri di Fano. L’operatore cerca di approfondire i pochi elementi e contemporaneamente allerta una pattuglia della locale stazione.

I militari, ricevuta la segnalazione, ricordano di una giovane donna che recentemente si era recata in caserma lamentando molestie da parte del suo ex. Aveva raccontato di aver conosciuto un uomo molto più grande di lei con il quale aveva convissuto per più di 5 anni ma la relazione si era interrotta a causa dei continui tradimenti di lui. L’uomo, non rassegnato, aveva iniziato a tempestare la donna di telefonate, messaggi e post nei social network dal contenuto delirante.

CarabinieriUomo che era già conosciuto dai carabinieri in quanto, dopo essersi separato dalla prima moglie, anche in quel caso per i continui tradimenti di lui, prima aveva molestato telefonicamente la ex e poi aveva tentato il suicidio impiccandosi con la cintura dell’accappatoio.

Messe insieme le informazioni i carabinieri hanno voluto verificare se l’intuizione potesse essere plausibile. Sono corsi verso la casa dell’uomo e, nonostante la via avesse una nuova numerazione che impediva l’immediata identificazione del civico corretto, dopo aver bussato a varie abitazioni, finalmente individuano la casa giusta. Al campanello non risponde nessuno, la porta è sbarrata ma i militari decidono comunque di aprirla a spallate. Giunti all’interno, i militari, nella penombra, trovano nella camera da letto una persona a penzoloni che rantolava con il collo stretto dalla cintura di un accappatoio fissata all’ultimo piolo di una scala in metallo appoggiata alla parete.

Immediatamente un militare lo solleva di peso dai fianchi mentre l’altro, salito sulla scala, scioglie il nodo dal collo dell’uomo. Una volta liberato, non cosciente, viene adagiato a terra ed effettuato un massaggio cardiaco nel tentativo di rianimarlo. Dopo poco giunge anche il personale sanitario che prosegue il massaggio cardiaco finché non riprende a respirare. Dopo le prime cure viene trasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale di Urbino per poi essere ricoverato al reparto di psichiatria all’ospedale di Fano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>