Dai Fondi Europei nuovi materiali per rinnovare la superficie vetrata della Biblioteca San Giovanni

di 

13 maggio 2016

PESARO – Se le politiche UE vengono talvolta percepite come astratte e poco concrete, è perché spesso non c’è una programmazione concreta, adeguata allo sviluppo locale.

Non sempre è così: ad esempio Pesaro, grazie alla convenzione sottoscritta con l’Università Politecnica delle Marche, è riuscita ad ottenere una serie di obiettivi importanti e strategici per lo sviluppo del territorio.

Antonello Delle Noci

Antonello Delle Noci

Un risultato molto prestigioso è stato conseguito con la presentazione di un progetto che consentirà di rinnovare la superfice vetrata della biblioteca S. Giovanni, utilizzando materiali innovativi che assicureranno ingenti risparmi energetici per il raffrescamento e il riscaldamento dell’edificio.

Il progetto, denominato EEINSULATE, è stato valutato positivamente ed è attualmente in negoziazione con la Commissione Europea nell’ambito del Programma Horizon 2020 (programma UE che supporta la ricerca e l’innovazione, premiando le proposte con contenuti tecnologici più rilevanti). L’obiettivo è quello di sviluppare materiali ad alta efficienza e durabilità per le superfici vetrate, garantendo allo stesso tempo comfort ottimale nell’ambiente indoor. La biblioteca San Giovanni sarà uno dei casi di sperimentazione e il Comune di Pesaro coordinerà il gruppo di Pubbliche amministrazioni interessate ai risultati della ricerca.

“La sottoscrizione dell’accordo con il Comune di Pesaro –  commenta il Rettore Longhi  – risponde ad una nostra specifica missione: creare le condizioni scientifiche per accompagnare la crescita del territorio. L’Università Politecnica delle Marche rappresenta una tra le realtà più importanti in Italia nel settore della ricerca e dell’innovazione, sentiamo pertanto la responsabilità di mettere le nostre competenze a disposizione per lo sviluppo locale”.

Il consorzio, coordinato a livello Europeo dalla D’Appolonia, prevede anche il coinvolgimento di imprese e soggetti privati per la realizzazione dei materiali innovativi:  le superfici vetrate saranno ad esempio fornite dalla Focchi SPA, una tra le aziende leader nel settore, che collabora con architetti del calibro di Renzo Piano e Norman Foster.

Delle Noci e Revel

Delle Noci e Revel

“La costituzione dell’Ufficio Sviluppo ed Opportunità – rileva l’assessore Antonello Delle Noci  – risponde a logiche di innovazione nella gestione dei rapporti sia con la UE sia con i protagonisti della ricerca e dell’innovazione. Il rapporto ormai consolidato con la Politecnica ci garantisce quella competenza tecnica ormai indispensabile per poter competere sui più prestigiosi programmi della UE”.

Responsabile del progetto è il prof. Gian Marco Revel, docente alla Politecnica delle Marche e Delegato del Rettore alla Ricerca Europea,  che da tempo collabora con l’Amministrazione pesarese.

“Tra Comune di Pesaro e il nostro Ateneo c’è un’ottima collaborazione – spiega  Revel  – quando l’università può rendere immediatamente fruibili le proprie soluzioni tecnologiche, ha bisogno di Comuni ‘Smart’, che siano attrezzati per garantire la miglior esecutività delle nostre proposte; da questo punto di vista il Comune di Pesaro è senz’altro un partner affidabile e pronto a sperimentare soluzioni innovative”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>