F1 Gp di Spagna: domina il “baby” Verstappen, le due Ferrari sul podio, disastro Mercedes

di 

15 maggio 2016

image

Foto tratta dal web

Max Verstappen grandioso a poco più di 18 anni domina il G.P. di Spagna e diventa il più giovane vincitore di sempre nella storia della formula uno. Grande “Kasino” per dirla alla Lauda in casa Mercedes, Hamilton e Rosberg si autoeliminano dopo quattro curve un incidente di “gara” che però sa tanto di cattiveria e astio fra i due piloti e che senz’altro crea un problema non da poco in casa Mercedes, cosa che se non gestita si può ritorcere nel proseguire della stagione. Lo avevamo detto ieri commentando le qualifiche che l’unica variante per vedere un gran premio “diverso” dipendeva solo dalla Mercedes e così è stato. Con strada libera le due Red Bull di Ricciardo e del neo promosso Verstappen hanno ingaggiato una lotta con le due Ferrari con un Raikkonen più incisivo e furbo nelle strategie di Vettel, una lotta fatta di giri veloci e appunto di scelte strategiche differenti. Ma torniamo all’impresa di Verstappen , per niente intimidito da un Raikkonen in gran forma il “baby” olandese ha reagito da pilota consumato agli attacchi intimidatori del finlandese ,che a onor del vero non poteva fare di più, Max imageha gestito abilmente la gara riportando la Red Bull sul tetto del mondo, ripagando la fiducia del team che lo ha promosso al “volo” dopo i disastri del suo predecessore Kvyat. Così dopo il debutto dello scorso anno con la Toro Rosso, l’olandese “volante” scrive un’importante pagina nella storia della F.1, stabilendo un record che sarà difficile da battere perché a questo punto ci vuole un “minorenne”. Il ritorno ai vertici della Red Bull crea un problema in più alla Ferrari che ora nella tanto agognata rincorsa alla Mercedes si trova il team austro-inglese, che sappiamo essere un osso duro quando trova la quadratura del cerchio, i quattro mondiali di fila parlano da soli. Il problema in casa Mercedes come detto può aprire nuovi scenari, ormai è evidente che gestire i due sarà un’impresa difficile con l’aggiunta che sia a Rosberg che a Hamilton è stato già rinnovato il contratto, per adesso non cambia nulla in termini di classifica e di proiezione campionato…però. Per il resto si è visto un combattivo Sainz, che nella gara di casa ha avuto un avvio lampo chiudendo poi sesto, dietro a Bottas con la Williams, superando il compagno Massa che chiude ottavo, dietro a Perez sempre positivo con la Force India. Completano la top ten Button nono con la McLaren- Honda e il retrocesso dalla Red Bull Kvyat con la Toro Rosso e probabilmente un “fegato” dello stesso “colore”. Bile infiammata anche per Alonso costretto al ritiro davanti al suo pubblico.

ORDINE DI ARRIVO DEL G.P. DI SPAGNA
1) Verstappen- Red Bull
2) Raikkonen-Ferrari
3) Vettel-Ferrari
4) Ricciardo-Red Bull
5) Bottas-Williams
6) Sainz-Toro Rosso
7) Perez-Force India
8) Massa-Williams
9) Button-McLaren-Honda
10) Kvyat-Toro Rosso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>