Seri dopo il rinnovo della Carnevalesca: seguiamo la strada della concordia per il bene della città

di 

19 maggio 2016

Massimo Seri*

FANO – Il recente rinnovo degli organi dell’Ente Carnevalesca è stata un’ulteriore occasione per capire quanto la città sia legata al Carnevale. L’alta affluenza è infatti sintomo di quanto i fanesi – stimolati anche da una forte competizione – vedano questa manifestazione come un valore che appartiene ad ognuno di loro e che necessita proprio della partecipazione popolare per crescere e rinnovarsi sempre.

Il risultato di questa partecipata elezione ha però prodotto come risultato una situazione di stallo che potrebbe creare disagi al proseguo delle attività.

Tiziana Massaro, Massimo Seri e Luciano Cecchini

Tiziana Massaro, Massimo Seri e Luciano Cecchini

Ho letto con rammarico lo sfogo del presidente Cecchini sul suo profilo Facebook e voglio sottolineare che a lui va riconosciuto il merito di aver dato molto per la crescita del Carnevale, di aver ottenuto risultati importanti (come testimoniato dalla riuscitissima edizione 2016 con la quale la manifestazione ha battuto tutti i record) e di aver voluto introdurre nuovi progetti come lo spazio dedicato al Carnevale dei Bambini. Anche per questo spiace notare che in questa città troppo spesso ci si divide in fazioni su qualsiasi argomento con il pericolo di mettere a rischio l’unico obiettivo che dovrebbe unirci e quindi il “bene” per la città.
Questo anche perchè, come in tutte le manifestazioni, i successi che abbiamo ottenuto sono solo delle tappe che devono contribuire a costruire un percorso per raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. E’ importante quindi riconoscere le tante cose buone fatte e continuare a recepire sempre di più le nuove progettualità e le nuove idee che arrivano.
Mi rivolgo infine a tutti gli eletti affinchè cerchino, sempre nell’interesse del Carnevale, l’apporto di tutti i cittadini fanesi e che, almeno per questa manifestazione che ha caratterizzato la storia fanese nei secoli, si lascino da parte divisioni e contrasti, si ritrovi la strada della concordia e della collaborazione per realizzare un carnevale sempre più bello e migliore, sotto tutti i punti di vista, un’occasione, insomma, per far vedere di cosa sono capaci i fanesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>