Fano, l’ira dei 5 stelle contro il Comune: “Negati i banchetti per la raccolta firme, siamo discriminati”

di 

3 giugno 2016

Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri, Roberta Ansuini, consiglieri del Movimento 5 stelle Fano

Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri, Roberta Ansuini, consiglieri del Movimento 5 stelle Fano

FANO – “Il Comune nega i banchetti solo al Movimento 5 Stelle: abbiamo chiesto l’intervento del prefetto”. La denuncia è di Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri e Roberta Ansuini, esponenti dei grillini fanesi.

L’Ufficio Turismo del Comune di Fano – scrivono – ha espresso parere negativo alla domanda di autorizzazione per i banchetti avanzata dal Movimento 5 Stelle perché “l’area richiesta, di primaria vocazione turistica per la Città, nel periodo di riferimento, è interessata da manifestazioni e flussi di persone ritenuti in netto contrasto con quanto richiesto”. Nel mese di aprile avevamo avanzato regolare istanza per ottenere dal 25 maggio al 31 luglio, nelle giornate di mercoledì, sabato e domenica alcuni piccoli spazi presso il palazzo Gabuccini, la tensostruttura della Sassonia e la cavea del Lido al fine di raccogliere le firme per promuovere varie iniziative referendarie in ambito costituzionale, elettorale e sociale. Il Comune ha rigettato in toto la nostra domanda senza neppure concedere almeno una piccola parte degli spazi richiesti, in periodi di tempo magari più ridotti. Ovviamente abbiamo presentato le nostre controdeduzioni evidenziando come la condotta portata avanti dagli uffici comunali sia gravemente lesiva dei diritti politici costituzionalmente garantiti a tutti i cittadini, singoli e associati, e pregiudichi con motivazioni risibili ed arbitrarie, oltre che non fondate su argomentazioni di stampo giuridico, la libertà di manifestazione del pensiero e il diritto di promuovere referendum abrogativi e confermativi per iniziativa popolare. A tali osservazioni non abbiamo ancora ricevuto risposta”.

“La vicenda – continuano Omiccioli, Ruggeri e Ansuini – assume tratti inquietanti quando si scopre che, negli ultimi giorni, sono state invece accolte le domande di autorizzazione per i banchetti del Partito democratico e dell’Associazione Solidarietà Libertaria in luoghi e giorni parzialmente coincidenti con quelli da noi richiesti, e soprattutto per finalità analoghe se non identiche, cioè la raccolta di firme per la promozione di quesiti referendari. Ovviamente non contestiamo la concessione dell’autorizzazione a tali soggetti (anzi!), ma evidenziamo la palese situazione discriminatoria, in aperto contrasto con i più basilari principi di uguaglianza, che si è creata a nostro danno, impedendoci di esercitare quelle prerogative che in uno Stato democratico dovrebbero spettare a qualsiasi forza politica, con motivazioni che non sono valse per altri”.

Conclusione: “A situazioni del tutto assimilabili, il Comune ha riservato trattamenti opposti: per questo abbiamo deciso di segnalare questa intollerabile violazione di elementari principi di rango costituzionale al Prefetto, con la speranza che gli uffici comunali provvedano a rimediare prima che sia necessario il suo intervento e ci concedano dunque l’autorizzazione almeno con le modalità già accordate alle altre realtà politiche ed associative. Ci auguriamo che anche il Sindaco e la Presidente del Consiglio Comunale si interessino della questione ed esercitino le loro funzioni di sovrintendenza per garantire la libera espressione delle minoranze, superando una volta per tutte quella che senza dubbio rimane una brutta pagina nella storia politica e democratica della nostra città”. Firmato Lista Civica MOVIMENTO CINQUE STELLE FANO – movimento5stelle.it, nello specifico Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri, Roberta Ansuini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>