Il doping e il mito della vittoria facile, venerdì il convegno del Panathlon. Tra gli ospiti anche Carolina Kostner

di 

7 giugno 2016

PESARO – Il Panathlon Club Pesaro, in stretta collaborazione con il Panathlon Club International e la Scuola dello Sport del Coni, fortemente impegnati nella realizzazione di programmi e azioni pubbliche di educazione alla dissuasione dal doping, invitano tutta la cittadinanza  all’incontro:

“Il doping: il mito della vittoria facile. Le pesanti conseguenze sulla salute e sull’attività sportiva”.

Pesaro, venerdi 10 giugno 2016, ore 18:00, Auditorium di Palazzo Montani Antaldi

L’incontro si presenta particolarmente interessante, sia per l’attualità dell’argomento, anche in vista degli appuntamenti sportivi di rilevanza mondiale previsti nel corso dei prossimi mesi, sia per l’importanza degli ospiti che il Panathlon ha voluto riunire per l’occasione.

Intervengono infatti all’incontro:

–       avvocato Mario Vigna, vice Procuratore Capo Ufficio Procura Antidoping Nado Italia: “La normativa antidoping è regola del gioco?”

Locandina_Doping_Panathlon_Pesaro_2016–       dottor Danilo Gambarara, specialista in Medicina dello Sport e referente Area Biomedica Scuola regionale dello Sport delle Marche: “Doping e Salute”

–       dottor Filippo Sabattini, pedagogista, formatore del Centro Studi Muovintè: “Dall’atleta alla persona. I perché del doping”

Sarà infine decisamente interessante ascoltare le parole della straordinaria campionessa Carolina Kostner: “Una testimonianza dello sport pulito”.

L’evento è condotto da Barbara Rossi, Presidente del Panathlon Club Pesaro.

Data l’importanza dell’appuntamento, l’incontro assume anche il ruolo di Convegno dell’Area 5 (che comprende Marche ed Emilia Romagna) del Panathlon Italia. Saranno dunque presenti a Pesaro anche: Giorgio Dainese, neo eletto vice Presidente del Panathlon Internazionale; Luigi Innocenzi, neo eletto Governatore Area 5; Germano Peschini,  Presidente regionale Marche del Coni; i Presidenti dei Club Panathlon delle Marche e dell’Emilia Romagna.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>