Fugge dal pronto soccorso con un infarto in atto: salvato dai carabinieri

santa-croceFANO – I carabinieri rintracciano un infartuato fuggito dal pronto soccorso. Nel primo pomeriggio arriva al 112 una chiamata dal pronto soccorso dell’ospedale di Fano. L’addetto al triage segnala l’allontanamento di un uomo giunto in ospedale con forti dolori al petto il quale, dopo le operazioni di accettazione, assunta una pastiglia sublinguale per attenuare il dolore, si era allontanato. Poiché era possibile che fosse in atto un infarto, richiedeva ai carabinieri un’immediata localizzazione in quanto stava rischiando la vita.

La centrale ha subito allertato una pattuglia della radiomobile e l’ha inviata nell’abitazione dell’uomo. I militari hanno ripetutamente suonato al citofono senza esito. Scavalcato il cancello dell’abitazione, i militari, avvicinandosi all’ingresso hanno sentito un rantolo. A quel punto hanno deciso di forzare la porta, semichiusa, trovando a terra l’uomo già in stato di semincoscienza. Mentre un militare chiamava i soccorsi sanitari, l’altro, dopo aver appurato che il battito era lento e irregolare, praticava un massaggio cardiaco. Tali operazioni duravano fino all’arrivo dell’ambulanza che trasportava il malcapitato in ospedale.

L’uomo è tuttora ricoverato nel reparto di Rianimazione non in pericolo di vita. Sconosciuto il motivo del suo allontanamento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  1. Se fosse successo qualcosa al pz ora si sarebbe scritto di quanto è inefficiente la sanità pubblica sottolineando nome e cognome dell’infermiere inefficente. Invece ora che tutti sono andati oltre le loro competenze professionali e ci hanno messo il loro amore per la vita di uno sconosciuto nulla!
    Certo che la testata ci farebbe una bella figura a fare un articolo dalla parte dell’infermiere.
    Dubito molto che avvenga. Ora siamo tutti impegnati a seguire l’efficenza sanitaria pubblica sul l’intervento di S.B.