La storia del senzatetto Donato. CasaPound: “Vicenda mal gestita”

di 

14 giugno 2016

La roulotte di Donato

La roulotte di Donato

PESARO – CasaPound Italia denuncia di nuovo la malagestione della vicenda di Donato, il senzatetto alla cui storia ci siamo interessati nelle scorse settimane. “Come annunciato telefonicamente dagli assistenti sociali qualche settimana fa, oggi è stato disposto il sequestro della roulotte di Donato – spiega il portavoce cittadino di CasaPound Christiano Demontis – ma senza offrire come promesso un’alternativa alla stessa. Donato, contrariamente al tanto decantato interesse da parte dei servizi sociali, non é ancora stato alloggiato in alcuna struttura e da stasera si trova senza un ricovero dove dormire e senza gli effetti personali che teneva all’interno della roulotte”.

“Donato è stato avvisato a sgombero in corso ed è riuscito a malapena a recuperare il proprio cane all’interno del suo ricovero – continua Demontis – e si trova letteralmente in mezzo alla strada”.

“E’ stato sufficiente calasse il clamore mediatico intorno al caso di Donato per dimostrare che il tanto sbandierato interesse del Comune per la vicenda umana del senzatetto italiano altro non era che un tentativo di salvare le apparenze e sedare il disappunto di quanti, indignati, hanno protestato per la grave situazione di abbandono istituzionale”.

“Ci chiediamo – conclude Demontis – se questo é il modus operandi che il.comune riserva ai propri cittadini senza reddito e in grave situazione abitativa: non solo la promessa di un interessamento mai finalizzato, ma la beffa del sequestro dell’unico riparo. Ci chiediamo anche se i Servizi Sociali siano in grado di ottemperare al proprio ruolo o se, come ormai quotidianamente constatiamo, accoglienza e interesse siano invece rivolti con priorità a chi italiano non è”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>