Gli Orti Giulii diventano un contenitore di iniziative estive

di 

19 giugno 2016

PESARO – Spettacoli, musica, arte, teatro per bambini, ginnastica per il corpo e per la mente, ovvero Ta-Chi, e tanto altro. Gli Orti Giulii di Pesaro si presentano così, con una serie di iniziative eterogenee che già tanto successo hanno ottenuto nei primi appuntamenti. Un polmone verde nel cuore della città, di cui i pesaresi si sono riappropriati.

“Come quartiere centro-mare, in collaborazione con l’assessorato alla Bellezza, abbiamo dato vita a una serie di iniziative da noi fortemente volute per promuovere gli Orti Giulii – racconta il presidente del quartiere 1 Enrico Siepi – per trasformarli in uno spazio culturale aperto alla città. Finora il successo degli appuntamenti è stato evidente, confermato dalla partecipazione di moltissime persone”.

Tanti eventi dunque, tra cui anche lo Zoe Microfestival (13/17 luglio) e due spettacoli con il poeta dialettale Carlo Pagnini, le cui date sono ancora da definire.

“Il Comune tiene molto alla riqualificazione degli Orti Giulii –  esordisce il vicesindaco di Pesaro Daniele Vimini –  perché sono un contenitore naturale importante. Credo quindi sia stato molto intelligente da parte del quartiere interpretare l’anima del suo centro storico prendendosi cura direttamente di quel polmone verde. Da quando si è insediato, il nuovo Consiglio ne ha fatto subito la sua bandiera. Avere a che fare con gli Orti Giulii significa anche tenere  rapporti con le associazioni che organizzano eventi. Da qui l’idea di creare un progetto comune”.

“Il progetto – conclude Siepi – è quello di fare degli Orti  Giulii uno spazio multiculturale aperto per eventi dedicati alla cittadinanza. Crediamo che questa sia l’azione migliore per preservarli dal degrado”.

Un ringraziamento da parte di Vimini e Siepi va anche ad Aspes spa, che aderisce all’iniziativa. “Siamo contenti di essere partner di questa manifestazione – dice il presidente di Aspes spa Luca Pieri – in un luogo che contribuiamo tutto l’anno a tenere in ordine sotto il profilo della cura del verde, che poi è il nostro compito principale. Ci siamo resi disponibili a sostenere questo tipo di iniziative perché oltre a curarne il verde ci piace che quel luogo sia presentato e fruito nel miglior modo possibile”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>