Nel porto di Pesaro arriva la nave della Marina “Capri”

di 

23 giugno 2016

PESARO – Nel primo pomeriggio della giornata odierna si è svolta, all’interno degli Uffici della Capitaneria di Porto di Pesaro, una conferenza stampa presieduta dal Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del Porto di Pesaro Capitano di Fregata (CP) Angelo CAPUZZIMATO che ha voluto rendere il benvenuto a Nave CAPRI della Marina Militare arrivata nel porto di Pesaro il pomeriggio del 21.

La stessa Unità, comandata dal Tenente di Vascello Claudia PETROSINI, rimarrà a Pesaro sino alla prima decade del mese di luglio.

Nave Capri è l’ultima unità in ordine temporale di una classe di sei navi del tipo Moto Trasporto Costiero che costituiscono la Classe Gorgona. Varata nel 1987, prende il nome dell’omonima isola del Golfo di Napoli. Nave Capri dipende organicamente ed operativamente, per il tramite del Comando del Primo Gruppo Navi Ausiliarie (COMGRUPAUS UNO) ed il Comando Flottiglia Unità Ausiliarie (COMFLOTAUS), dal Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV). L’Unità è stata progettata per svolgere la propria attività nei mari nazionali assolvendo servizi di trasporto di mezzi, materiali vari. Per le proprie peculiarità costruttive, è impiegabile in maniera flessibile e polivalente sia in attività di supporto logistico ad operazioni e missioni militari e sia, laddove vi siano necessità di sostegno alla Nazione ed alla comunità civile, per garantire il trasporto di automezzi e materiale vario in containers o pallets, di combustibile in fusti nonché la proiezione di nuclei di personale specializzato. Nave CAPRI dal 1987 ad oggi ha svolto un’intensa attività nell’ambito di operazioni internazionali e nazionali.

Proprio nel porto di Pesaro, infatti, questa Unità presterà supporto logistico ed operativo per permettere al personale dell’Istituto Idrografico della Marina Militare di Genova di effettuare le misurazione dei fondali per l’aggiornamento della cartografia nautica.

Infatti – come ha ben spiegato il Tenente di Vascello Ottavio PATULLI, Capo Spedizione dell’Istituto Idrografico della Marina di Genova – tra i diversi compiti dell’Istituto Idrografico (che è l’Organo cartografico dello Stato designato alla produzione della documentazione nautica ufficiale Nazionale) vi è quello di redigere e tenere costantemente aggiornate le pubblicazioni nautiche che costituiscono l’indispensabile strumento per i naviganti al fine di garantirne la sicurezza in ogni momento della navigazione. L’attività di questi giorni servirà ad ottenere una nuova carta aggiornata del porto di Pesaro e dello specchio acqueo ad esso prospiciente.

“Anche la carta nautica del porto di Pesaro, da tempo, necessitava di una rivisitazione” ha sottolineato il Comandante CAPUZZIMATO. “Negli ultimi anni, infatti, il nostro sorgitore ha subito una importante trasformazione infrastrutturale che probabilmente nella sua storia non ha probabilmente eguali. In pochi anni, anche grazie alla sinergica collaborazione tra la Capitaneria di Porto, l’Amministrazione comunale e il Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche, si è proceduto alla costruzione dei moli di sopraflutto e sottoflutto, all’escavo della nuova darsena e, in ultimo, allo scavo della radice del sorgitore, che ultimerà tra qualche settimana e che renderà gli spazi nuovamente fruibili. Con il lavoro messo in campo dall’Istituto Idrografico della Marina Militare le unità commerciali e diportistiche potranno usufruire di tali aree anche in modo completamente sicuro”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>