Da Le Clos a Magnini, la prima Rossini Swim Cup regala sorrisi e emozioni al Parco della Pace

di 

24 giugno 2016

PESARO – Tre giorni di emozioni sono tutti racchiusi negli occhi di una ragazzina che tenacemente aspetta, con un foglio in mano, che Chad Le Clos finisca l’allenamento nella vasca da 25 metri. Poi porge il foglietto con le lacrime agli occhi; tutti pensano che voglia una dedica dal campione sudafricano, ma non è così: la ragazza porge all’olimpionico il foglio con il suo nome Federica e fugge via. Lui resta un po’ stupito e sorride compiaciuto. Federica è nata poco dopo le olimpiadi di Torino nel 2006. Oggi è sul bordo vasca a vedere le imprese degli eroi che andranno a Rio 2016. Non ha paura di niente: chiamarsi Federica nel nuoto ed essere contenta di nuotare i 400 stile libero. La prossima settimana sarà di nuovo a Pesaro per i campionati regionali Esordienti B, manifestazione che farà vedere lo stato di salute dei vivai del nuoto marchigiano.

Rossini Swim Cup (FOTO Filippo Baioni)

Rossini Swim Cup (FOTO Filippo Baioni)

Sorrisi e passione, di questo si nutre la tre giorni del nuoto pesarese, appuntamento imperdibile nel panorama del nuoto nazionale. La prima edizione della Rossini Swim Cup, svoltasi dal 17 al 19 giugno, si chiude con successo di pubblico e di atleti. La piscina ‘Osvaldo Berti’ ha dedicato una vetrina prestigiosa agli appassionati del nuoto nazionale: Pesaro ritrova i grandi eventi natatori con Campioni del calibro di Filippo Magnini, Chad Le Clos, Myles Brown, Mirko Di Tora, e altri 6 atleti (5 sudafricani e 1 egiziano) che hanno già staccato il biglietto per Rio 2016.

L’impianto sportivo, fiore all’occhiello della regione Marche, ha fatto registrare il tutto esaurito: 2000 presenze per le finali in notturna capaci di emozionare e far entusiasmare. Sabato sera autorità del nuoto marchigiano e dello sport locale si sono dati appuntamento per poter ammirare i Campioni in acqua nella gara regina, i 100 stile libero: il campione olimpico e campione del mondo Chad Le Clos e la stella pesarese Filippo Magnini hanno dato vita a un duello senza esclusione di colpi, dove il sudafricano ha primeggiato in 49″55, con Filippo che alla fine è terzo, preceduto sul podio dall’altro campione sudafricano Myles Brown. Cinquanta secondi di pura adrenalina dove gli sportivi marchigiani hanno potuto vivere l’emozione di una gara a livello internazionale. Era presente anche la Commissione ACES Europe, certificatrice per il titolo di “Città Europea dello Sport 2017″, gustandosi il momento apicale della manifestazione, apprezzando l’impegno della società organizzatrice.

Rossini Swim Cup (FOTO Filippo Baioni)

Rossini Swim Cup (FOTO Filippo Baioni)

Tra il pubblico anche “senatori” dello sport pesarese come Agostino Ercolessi, Marco Paolini, le sorelle dell’indimenticabile Angelo Romani e Rina Berti sorella del grande allenatore a cui è intitolato l’impianto, oltre a esponenti del Coni, della persona di Alberto Paccapelo, della FIN come il presidente della Fin Marche Fausto Aitelli e il delegato provinciale Emilio Babbucci, tutti impegnati in numerose premiazioni degli atleti che si sono succeduti sul podio dei vincitori.

Andrea Sebastianelli presidente di Sport Village, la società organizzatrice dell’evento, crede in un centro sportivo che sappia interpretare al meglio le esigenze di una città che ha nel nuoto una grande tradizione: “presto saremo in grado di ampliare i nostri servizi e di avere una vasca da 50 metri coperta che possa ospitare i grandi eventi e contribuisca alla crescita del movimento natatorio pesarese che ha dato lustro alla nostra città. Pesaro è conosciuta per campioni come Filippo Magnini che in questo tempio del nuoto sono nati e cresciuti.’

Sport Village sorride, come Chad Le Clos che ferma il tempo nei 100 delfino in 52″04, ottimo test in vista di Rio2016 dove incrocerà le armi con un mito come Michael Phelps. Sorrisi anche dal campione pesarese Filippo Magnini che domenica mattina si è imposto nei 200 stile davanti al sudafricano Dylan Bosch in 1’50″83: “a Pesaro torno con piacere e questo appuntamento mi serviva per capire la mia condizione in vista del 7Colli e di Rio2016. Gareggiare con la mia famiglia sugli spalti è sempre una emozione”. Grandi prestazione anche dai giovani: Giovanni Izzo e Jacopo Bietti hanno sfoderato classe ed eleganza, confermandosi interessanti prospetti per il nuoto nazionale. Crescono anche i giovani pesaresi: Enrico Del Pivo e Teresa Malipiero stampano un sorriso sul volto di Paolo Bossini e Francesco Diotalevi che si godono le loro ottime prestazioni e gli ori conquistati.

Infine nella classifica a squadre, la prima “Rossini Swim Cup” è andata nelle mani dei ragazzi Toscani della Esseci Nuoto, che precedono i bresciani della Vittoria Alata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>