Ad Assen si “vola”: cadono Rossi e Dovizioso, vince Miller con la gara della vita

di 

26 giugno 2016

Valentino Rossi (foto tratta da Valentino Rossi Official)

Valentino Rossi (foto tratta da Valentino Rossi Official)

ASSEN (Olanda) – Vale è caduto nel girone infernale di Assen. E’ caduto quando era in testa nella “seconda manche” di un Gran Premio che era già stato fermato con bandiera rossa per pioggia ed aveva visto una ripartenza per la “finale” di 12 giri.

Vale è caduto, prima era caduto il Dovi, protagonista dopo la pole in entrambe “le manche”. Peccato per entrambi (nessun danno fisico per loro per fortuna), mentre lo zero punti rimediato da Vale favorisce in classifica iridata Lorenzo, decimo al traguardo, in grande difficoltà in Olanda.

“Sono stato proprio un somaro – ha detto Vale – ho azzardato troppo e sono caduto. Ho esagerato, qui dovevo recuperare punti su Lorenzo invece non ho portato a casa nulla”. Ora Vale è a meno 41 punti in classifica, ma le gare sono ancora tante.

Grande felicità a Pesaro e Tavullia, nella la Terra dei Piloti e dei Motori, sia per il terzo posto di Franco Morbidelli in Moto 2 sia per la grande prestazione dei piloti dell’Accademia da corsa VR46 in Moto 3.

Morbidelli, che vive a Babucce frazione di Tavullia, è uno dei piloti di punta della Accademy by Vale e ad Assen ha agguantato quel podio che lo riporta ai vertici della classe dove Baldassarri ( altro centauro targato VR 46) è arrivato quinto, mentre il pilota della capitale Corsi si è piazzato settimo.

Sfortunato Luca Marini: “Maro” stava disputando una gara in recupero quando è caduto. Nessun danno anche per lui e da domani Luca torna “in lizza” per l’esame di maturità.

In Moto3 trionfo italiano con Bagnaia primo, Di Giannantonio (team Gresini) secondo e Migno ( Sky by VR46) terzo.

I tre piloti (Bagnaia è torinese ma vive a Pesaro e si allena al Ranch essendo anche lui dell’Accademia) si sono abbracciati sul podio di Assen e poi insieme hanno cantato l’Inno di Mameli.

Quarto Fenati (team Sky) quinto Antonelli sesto Danilo – che è francese – ma anche lui come Antonelli è in sella alla Honda preparata dal team pesarese Ongetta Rivacold di Giancarlo e Mirko Cecchini.

La Terra dei Piloti e del Motori si è fatta onore ad Assen e Matteo Ricci e Francesca Paolucci, rispettivamente sindaco di Pesaro e Tavullia, possono essere fieri di aver lanciato questo “brand”, ma ci sono altre novità in arrivo che-presto, molto presto- potranno far parlare della nostra terra dove oltre a fior di piloti abbiamo anche motori “che crescono al banco prova” e… presto potrebbero far sentire il loro rombo. Sulle piste del Mondiale.

11 Commenti to “Ad Assen si “vola”: cadono Rossi e Dovizioso, vince Miller con la gara della vita”

  1. SmaneTONER scrive:

    Giustizia è fatta: ora dopo il disastro Iannone TUTTI PARI

  2. Davies scrive:

    Non è giustizia è sfortuna ma Vale ha riconosciuto l errore e questo lo fa ancora più grande

  3. gino scrive:

    Caduto Vale spenta tV che guardi più?

  4. Paolo scrive:

    Gino nè un tifoso io amo le moto e la corsa l ho vista tutta e sono contento x Miller non credo che Vale abbia fatto bene al motociclismo Gino ne è l esempio

  5. Aldo de Fan scrive:

    Che vergogna la telecronaca che vergogna un poco di decoro no farebbe male-

  6. pippo scrive:

    Sono passato a tavullia alle ore 18 sembrava un paese terremotato che tristezza

  7. Jack scrive:

    A me piace Luca Marini e sono contento x Morbidelli e ancor di più x Migno che giornata ragazzi se Vale on fosse caduto sarebbe stata perfetta

  8. ambra scrive:

    Concordo con Vale il Dottore oggi è stato proprio un somaro un pilota della sua esperienza ha fatto un errore incredibile avena un mare di vantaggio

  9. Marika scrive:

    L’ultima volta che avevo sentito Vale darsi del “somaro” era il 2009 😀 e con la sua sua solita diverte ironia, quando si presento’ la volta seguente sul podio di Misano che le sue storiche orecchie d’asino ahahah ed e’ Grande anche per come riesce a ribaltare a sua favore i risultati negativi. Per sapere se tutto questo sarà di buon auspicio, dovremo aspettare fine anno e di gare ce ne sono ancora molte e una tra le tante cose belle di questo sport, e che fino alla fine NULLA può essere prevedibile e NULLA è mai scontato. In quanti avrebbero scommesso nella vittoria di Miller oggi? Tra l’altro mi fa piacere per lui, lo merita! Anche se ovviamente in me, oggi prevale il dispiacere per la scivolata di Vale… NON ci voleva proprio, ora tutto si complica molto, anche se fino alla fine, nulla è ancora perduto. .. eppure era iniziata così bene per i colori italiani, con la gara fantastica al cardiopalma in Moto3, con un podio tricolore, con i ragazzi della VR46 che stanno diventando uno squadrone, un bellissima realtà. .. col podio di Morbidelli in Moto2 …ma oggi per i 2 bro di Tavullia, NON era giornata… ma la cosa bella per Noi che tifiamo Vale è che quando anche sbaglia… lo ammette e NON si nasconde mai dietro ad un dito. Se proprio vogliamo chiamarlo sbaglio poi il suo… in quelle condizioni, tutti i piloti guidavano in condizioni difficilissime, per rendere l’idea, dicono che sia come guidare sulle “uova” … ed è vero ed e’ un FILO SOTTILISSIMO in quelle circostanze, quello che separa una Grande Impresa, da una scivolata che butta all’aria tutto …. ma queste sono le gare, bisogna “digerire” in fretta lo smacco e pensare alla prossima volta… provarci sempre, arrendersi MAI, proprio come ci ha insegnato il nostro GRANDE Vale♥ , un ragazzo di 37 anni !!! che lotta ad armi pari, dopo 20 anni!!!, con piloti molto più giovani di lui… che sa rendersi ADORABILE anche quando sbaglia, ripeto, se proprio vogliamo chiamarlo sbaglio il suo… Alla prossima e sempre Forza Vale♥ !!!

  10. IL BARISTA scrive:

    Beh anche ieri si e’ visto che di fenomeno ce n’e’ uno solo e non e’ italiano.

  11. Marika scrive:

    Scusa Barista, ma ti è sfuggito un NON… italiano di troppo?? E CHI sarebbe il fenomeno Non italiano che si è visto ieri? Ha vinto Miller, australiano e direi anche meritatamente, visto le condizioni … ma CHI sia questo fenomeno NON italiano?? a me sfugge ! Io di VERO FENOMENO ne conosco uno solo, ITALIANISSIMO, FORTISSIMO, GRANDISSIMO, SIMPATICISSIMO, che NON si arrende MAI da ben 20 anni e che tutt’oggi LOTTA ad armi pari con ragazzini che quando LUI iniziava già a vincere su Tutte le piste del mondo, i suoi attuali rivali erano ancora all’asilo nido ahahhah Li voglio vedere gli ATTUALI fenomeni COSA faranno tra 10-15 anni con i NUOVI talenti delle prossime generazioni… li voglio proprio vedere! 😉

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>