Cultura, Morani (Pd): “Urbino torni protagonista con Progetto Italia 2019″

di 

30 giugno 2016

Alessia Morani

Alessia Morani

URBINO – “Urbino torni in campo con il Progetto Italia 2019 perché sarà l’Italia tutta, con le sue 18 città selezionate, la vera capitale europea della cultura”. Così la vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera Alessia Morani.

“Parte finalmente il Programma Italia 2019 e torna protagonista la nostra bella Urbino. Il progetto voluto dal governo Renzi si colloca “a valle” del processo che ha portato molte città italiane a presentare la propria candidatura: già  nel 2014 il Ministero dei beni e attività culturali e del turismo, visto il successo della competizione e l’apprezzamento unanime della Commissione tecnica europea, aveva condiviso la proposta di valorizzare idee e contenuti dei dossier di candidatura, soprattutto nell’ambito della rigenerazione urbana, della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e dell’accoglienza turistica, utilizzando le risorse previste nella programmazione europea 2014/2020″, spiega Morani.

“In un Paese che registra un deficit di capacità progettuale, i dossier di candidatura rappresentano un portafoglio di progetti con un livello di definizione molto alto in grado di attivare rapidamente gli investimenti necessari e aiutare la crescita del Paese. Lo Stato, le Regioni e le Città interessate selezioneranno i progetti e sottoscriveranno Accordi di Programma con cui saranno individuate le risorse economiche necessarie. Il rimando è alla programmazione 2014/2020 ma altre risorse nazionali si potranno aggiungere con la prossima legge di stabilità.  Le città, Urbino tra queste, hanno compiuto uno sforzo straordinario per presentare progetti, a tal punto che la stessa Giuria della competizione ha espresso un giudizio largamente positivo sulla qualità progettuale dei dossier e sul carattere innovativo del Programma Italia 2019, proposto come una buona pratica da suggerire alla UE”, continua la deputata dem.

“L’obiettivo è favorire l’ammodernamento delle 18 Città e fare in modo che il 2019, dopo l’Expo 2015, rappresenti un nuovo grande evento nazionale capace di attirare milioni di turisti. Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, sarà capofila di questo progetto e le città rinnovate potranno concorrere a costruire, con Matera, un grande network di eventi, mostre e manifestazioni che facciano del nostro Paese la vera Capitale Europea della Cultura 2019. Spero davvero che il Comune di Urbino sfrutti il lavoro fatto dalla giunta Corbucci e non voglia perdere questa opportunità, importante per lo sviluppo turistico e culturale del territorio e dunque per l’economia e il lavoro. Ma non c’è tempo da perdere: le intese tra Regione e Comune vanno chiuse entro il 20 luglio”, conclude Morani.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>