Sulle spiagge fanesi arriva il Citytennis: mix tra tennis, beach tennis, ping pong e paddle

di 

30 giugno 2016

FANO – Si chiama Citytennis, si è affacciato dalle nostre parti la scorsa estate e in questa stagione sta letteralmente facendo impazzire gli atleti fanesi, ma anche tanti turisti che ogni giorno chiedono di provarlo.

Ieri mattina, a toccare con mano questa nuova disciplina c’erano oltre 50 bambini del Centro Estivo Sportivo Jump che accompagnati da una decina di educatori si sono recati ai Bagni Arzilla di Fano dove è presente l’unico campo per la pratica outdoor di questo nuovo sport che è un mix tra il tennis, il beach tennis, il ping pong e il paddle.

Nata da un’idea di Francesco Gazzè e Davide Pagnini, l’idea Citytennis è stata subito accolta favorevolmente da Asi, come conferma Sammy Marcantognini, presidente di Asi Marche e responsabile del settore Psicologia dello Sport di Asi: “Abbiamo accettato fin da subito di collaborare a questo progetto – spiega Marcantognini – sia come Asi Pesaro sia come Asi tennis nazionale. L’entusiasmo degli ideatori ci ha travolto e contagiato e stiamo già avviando delle pratiche affinchè la disciplina sviluppi a livello nazionale e internazionale”.

A spiegare nel dettaglio cos’è il Citytennis è Davide Pagnini, istruttore e inventore di questo nuovo gioco assieme a Francesco Gazzè: “Il Citytennis è una disciplina di stampo tennistico – spiega Pagnini -, ma che convoglia in se più discipline sportive. Abbiamo fin da subito trovato la collaborazione dell’Asd Sportland che ci ha costruito un campo ad hoc presso gli impianti in loro gestione dei Bagni Arzilla e ci ha aiutato nell’organizzazione dei primi camp e dei primi tornei”.

Come ogni sport che si rispetti, la linfa vitale è data dai giovani, e l’evento di ieri mattina in collaborazione con Asi Pesaro, Cooperativa Polis e Centro Estivo Jump è solo l’inizio di un qualcosa che può veramente avere risvolti ad ampio raggio.

“E’ stata un’emozione vedere quanto divertimento ed entusiasmo mettono i bambini quando si mette loro di fronte una novità – commenta Pagnini -. Iniziative come quella andata in scena ai Bagni Arzilla sono la dimostrazione che, probabilmente, abbiamo avuto un’intuizione felice. Con Asi vogliamo intraprendere un percorso di sviluppo sia per quanto riguarda la gestione delle strutture già esistenti (esiste un campo indoor all’interno dell’Asd Lucrezia Beach, ndr), sia per aumentare il numero di campi a livello nazionale, fino ad arrivare all’organizzazione di tornei e campionati”.

Alla prova ufficiale di Citytennis hanno preso parte i bambini dei centri estivi Jump dei Bagni Arzilla, di Bagni Carlo e Trave che hanno dato vita ad un torneo. Per avere informazioni e saperne di più su regolamenti e modalità di gioco, consultare il sito www.citytennisproject.com.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>