#Zerosemafori: aperta la prima rotatoria di via Goito. Ricci e Belloni: “Ora la rotonda sperimentale tra via Solferino e via Giolitti-Ponchielli”

di 

2 luglio 2016

PESARO – Matteo Ricci depenna il penultimo semaforo nell’asse di collegamento tra Pesaro e Urbino. Battezzando la prima rotatoria di via Goito, all’intersezione con via Solferino: “Un’opera che migliorerà ulteriormente la viabilità della città, in un’area strategica, tra due quartieri, dove spesso si creavano congestioni nelle ore di punte delle scuole del Campus”.

Per il sindaco la rotonda – “funzionale e ben fatta: già lo si è visto in questi giorni” – è il “primo tassello del completamento dell’area”. Per arrivare allo ‘#zerosemafori’ nella direttrice, “il secondo step, in ordine cronologico, sarà la rotatoria sperimentale tra via Solferino e via Giolitti-Ponchielli”.

Sui cui osserva: “L’intervento è atteso da tempo. Come noto le aree attigue sono private, l’impasse sui lotti bloccati dalla crisi ha congelato la situazione. In attesa che si risolva la vicenda urbanistica, per evitare di rinviare ancora, sperimentiamo la rotonda all’interno dello spazio pubblico. Sarà meno ampia – evidenzia il sindaco – ma i tecnici comunali hanno fatto i calcoli e ritengono che possa funzionare. Partiremo con i new jersey temporanei. E nella fase sperimentale, che scatterà tra pochi giorni, si calibreranno diametro e ampiezza delle curve, in modo tale che la rotonda possa diventare gradualmente definitiva”. Aggiunge: “Migliorerà la fluidità del traffico: con l’apertura della rotatoria di via Goito, mantenere lì il semaforo sarebbe stato poco funzionale”.

L’AGENDA
Per chiudere il cerchio, poi, la seconda rotatoria di via Goito, all’intersezione di via Nanterre: “Sarà pronta per l’apertura delle scuole. Le rotonde migliorano la sicurezza e riducono gli incidenti. Contestualmente si completerà la ciclabile relativa, in parte già realizzata. Anche su quella direttrice elimineremo i semafori. Che ormai restano solo sulla Statale e lungo via Giolitti-via Fratti”.
Commenta l’assessore Enzo Belloni: “L’operazione permetterà una viabilità più serena per i due quartieri. E ci sarà più sicurezza per chi usa la bici. Il cantiere (appaltato alla ditta Pretelli di Urbino, ndr), infatti, si completerà con i tratti ciclabili che si congiungono a via Bonini e a Villa Fastiggi”.
Chiosa il sindaco: “Andiamo avanti con asfalti, ciclabili, rotatorie. E’ un’idea di mobilità complessiva, dove i temi si legano, possibile anche grazie allo sblocco del patto per il 2016. Ma stiamo lavorando anche per sbloccare risorse per il prossimo triennio, nel confronto legato alla legge di stabilità”.
Le due rotatorie di via Goito rientrano nell’intervento complessivo di 820mila euro con finanziamento suddiviso a metà tra ministero delle Infrastrutture e Comune (410mila euro a testa). La rotonda all’altezza di via Solferino presenta un diametro esterno di 45 metri, con anello ad una corsia largo 10 metri e mezzo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>