Stoner coach Ducati, Gabarrini con Lorenzo… e Radio Tavullia International

di 

6 luglio 2016

Non solo Special Tester: Casey Stoner il prossimo anno sarà anche COACH  del team Ducati.

In  molti si chiedono da tempo se il “Canguro Mannaro” tornerà mai a correre ma lui, il mitico 27, nega deciso e dice: “Tornare a correre non è nei miei programmi”.

Intanto a Misano nei giorni del WDW l’australiano è salito sulla Desmosedici staccando un tempo da paura ovvero 1’34”200 (Lorenzo nelle qualifiche del Gp di San Marino dello scorso anno aveva agguantato la pole con un crono di 1’33”300 per rendere l’idea di quanto forte sia andato Stoner) lasciando tutti di sasso.

Ed è proprio  dal palco del circuito dedicato al Sic, dove nei tre giorni del WDW sono arrivati 81mila appassionati Ducati, che si apprendono un paio di cosette (siamo arrivati venerdì e abbiamo subito drizzato le antenne) scoprendo – come detto – che Casey nel 2017 sarà il COACH del team Ducati per aiutare Lorenzo e Dovizioso a rendere al meglio.

Oggi in MotoGp se non hai un coach (vedi Cadalora con Vale) sei un pilota di serie B… e ci viene in mente quando molti anni fa (1990) Gresini faceva “l’osservatore” per il team Pileri curando un 16enne di belle speranze che si chiamava Loris Capirossi. Nulla di nuovo sotto il sole.

Cristian Gabbarini con Casey Stoner (foto motogp.com)

Cristian Gabbarini con Casey Stoner (foto motogp.com)

La seconda “cosetta” appresa al WDW è che sarà Cristian Gabarrini, senigalliese, laureato in Ingegneria meccanica all’università di Ancona, il capotecnico di Lorenzo in Ducati.

E vai “col liscio”: anche questa, per i tifosi  “in Rosso”, è una bella notizia.

Perché l’ingegner Gabarrini è già stato in Ducati con Stoner (insieme vinsero il Mondiale nel 2007, poi con Casey passò alla Honda), conosce il “sistema“ Ducati MotoGp (diverso da quello di tutti gli altri team), è gradito a Lorenzo ed è stato Stoner a suggerire ai vertici Ducati il suo ritorno conscio della grande professionalità del marchigiano, uomo schivo, di poche parole e tanti fatti, calmo riflessivo e mai sopra le righe. L’uomo giusto per tenere “bassa la temperatura” in casa Ducati viste le grandi aspettative che l’arrivo del pilota più veloce della MotoGp (attirato a Bologna anche dal lauto ingaggio) sta suscitando nel “popolo rosso”, marea di appassionati con la “A” maiuscola da troppo tempo a digiuno di vittorie.

Nella “umida” domenica di Assen, Gabarrini si è preso la soddisfazione di vedere il suo pilota, Miller, vincere la gara della Moto Gp: “Ho sempre creduto il lui” è stato il commento secco di Gabarrini il quale, con poche parole, si è tolto tanti sassolini dalle scarpe.

E il prossimo anno lui e Lorenzo hanno un compito importante: vincere con la Rossa e rinverdire i fasti di Stoner, di quel Canguro Mannaro che è andato via dalla MotoGp anzitempo sbattendo la porta ma è tornato nel paddock passando dalla “finestra” Ducati. Quando si dice… la passione!

Per una volta, con queste due notiziole, che erano nell’aria da tempo e che non cambieranno certo i destini del mondo, abbiamo dato il “buco” ai colleghi di Radio Tavullia International ma attenzione: sappiamo per certo che stanno lavorando ad uno scoop importante e – udite udite – sembra (il dubitativo al momento è d’obbligo) riguardi un team: “Daremo la notizia prima del prossimo Gp” ci ha confidato un collega di Radio Tavullia International scrutando il… cielo.

Un commento to “Stoner coach Ducati, Gabarrini con Lorenzo… e Radio Tavullia International”

  1. dai de gas scrive:

    la risposte di Stoner ieri Farò di tutto per dare a Lorenzo una moto vincente signiica che non arà il coach, farà molto di più!!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>