Il sindaco porta la Bicipolitana di Pesaro alla Conferenza nazionale sulla Mobilità sostenibile

di 

8 luglio 2016

Matteo Ricci a Catania

Matteo Ricci a Catania

CATANIA – “La sfida sulla mobilità si lega alla competitività del Paese, in termini di qualità della crescita”, scandisce Matteo Ricci, alla seconda conferenza nazionale sulla mobilità sostenibile, promossa da Anci e ministero dell’Ambiente a Catania. Per questo, nota il vicepresidente Anci – che partecipa al tavolo, tra gli altri, insieme ai ministri Graziano Delrio e Gian Luca Galletti – “servono politiche nazionali chiare. In primis incentivi per ridurre le emissioni di anidride carbonica, in favore dell’elettrico e dell’ibrido. Trasmessi nei territori e nei centri storici dal livello regionale e comunale”.

In parallelo, insiste, “c’è bisogno di un grande piano nazionale sul trasporto pubblico, che coinvolga anche i piccoli Comuni. Mezzi più adeguati, meno inquinanti: la differenza, nella scelta del cittadino, si gioca anche sul minore tempo di percorrenza negli spostamenti quotidiani. Lo abbiamo visto negli ultimi anni nel trasporto su ferro”.

Infine, il terzo tassello: “Ogni città, partendo dalle sue caratteristiche e specificità, può calibrare la priorità dell’investimento sulle opzioni della mobilità sostenibile”. A Pesaro lo si è fatto sulla bicicletta: “Siamo partiti dieci anni fa: nel 2016 arriviamo a 86 chilometri. L’obiettivo del mandato è estendere ancora la rete, che è la nostra metropolitana, portandola a quota 100. Proseguiremo: intanto per Legambiente, insieme a Bolzano, siamo la città della bicicletta. Un pesarese su tre usa tutti i giorni la bicipolitana per gli spostamenti: quanto vale in termini di mancato inquinamento, sicurezza, salute, qualità della vita? Può essere una strada da percorrere anche per altre città pianeggianti, simili alla nostra”.

Tra le novità della legge di stabilità 2016, chiude Ricci, “c’è la regola che supera il patto e libera l’avanzo per gli investimenti. Continueremo a batterci, come Anci, per rendere la misura una scelta irreversibile e strutturale. Per i Comuni sarebbe fondamentale anche per la ripartenza degli investimenti sulla mobilità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>