L’artigianato artistico e tradizionale marchigiano avrà un contrassegno di qualità. La proposta di Minardi

di 

29 luglio 2016

ANCONA – Un contrassegno di qualità per le creazioni, le opere, le produzioni artistiche, tipiche e tradizionali, ispirate a forme modelli, stili che costituiscono gli elementi tipici del patrimonio storico e culturale delle Marche.

Renato Claudio Minardi

Renato Claudio Minardi

Un marchio di origine della Regione Marche che sarà regolato da un preciso disciplinare della Giunta, proposto dal Vice Presidente del Consiglio regionale, Renato Claudio Minardi, e accolto dall’Assemblea legislativa nel corso della sua ultima seduta.

“Ho proposto questo disciplinare in accordo con l’Assessore regionale all’Artigianato, Manuela Bora, – afferma Minardi – perché considero fondamentale che si tuteli la nostra produzione, facendo emergere le grandi potenzialità legate a questo settore e soprattutto si rendano ancor più riconoscibili prodotti che sono vere eccellenze del nostro territorio. Si tratta di un’opportunità importante per le imprese artigiane che potranno così ufficialmente far valere le proprie competenze distinguendosi nel mercato nazionale e internazionale.

La modifica al testo unico regionale delle norme in materia industriale, artigiana e dei servizi di produzione proposta da Minardi affida, infatti, alla Giunta regionale il compito di predisporre un disciplinare sull’uso del contrassegno di qualità, sulla concessione dello stesso alle imprese artigiane, la modalità di esercizio di vigilanza e i casi di revoca.

Nelle Marche ci sono più di 2500 botteghe di artigianato artistico e tradizionale con circa quattromila addetti nei settori dell’abbigliamento su misura, della lavorazione del cuoio, grafica, tappezzeria, tessitura, merletto a tombolo e ricamo, ferro battuto, oggettistica sacra, strumenti musicali, oltre a orafi, decoratori, mosaicisti, restauratori, intagliatori, ebanisti e incisori.

“In un momento di difficoltà economica e lavorativa – conclude Minardi – è fondamentale far emergere le potenzialità che il territorio può esprimere nei settori dell’artigianato artistico e tipico di qualità. Una risorsa unica e inimitabile che può offrire nuove opportunità economiche alle imprese e al contempo proporre e valorizzare la cultura e le bellezze delle Marche.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>