Gabriele Palucci, fisioterapista pesarese a Rio da tifoso: “La mia terza Olimpiade, un’esperienza fantastica”

di 

6 agosto 2016

Gabriele Palucci (Foto Filippo Baioni)

Gabriele Palucci (Foto Filippo Baioni)

PESARO – Via ai Giochi Olimpici con Filippo Magnini e Piero Benelli al Villaggio Olimpico, a rappresentare lo sport pesarese. E non mancheranno gli spettatori. Fra questi, Gabriele Palucci, noto fisioterapista da anni in forza al Volley Pesaro. Quindi fra le sue sapienti mani sono passate Nadia Centoni, Cristina Chirichella, Monica De Gennaro, Antonella Del Core e Martina Guiggi, cinque azzurre della nazionale italiana frequentatrice abituale del più grande appuntamento sportivo. C’è chi ha fatto meglio, in verità: il Brasile allenato dall’ex pesarese Zé Roberto, che ha vinto le ultime due medaglie d’oro, a Pechino 2008 e Londra 2012. In entrambe le occasioni, erano presenti altre due ex colibrì: Jaqueline de Carvalho e Sheilla Tavares de Castro. Anche le brasiliane hanno potuto affidare i loro preziosi arti alle cure del bravo fisioterapista pesarese a sua vola presente nella capitale cinese e in quella britannica.

Gabriele è in partenza per Rio. L’attende – lunedì – un volo che da Milano lo porterà a Rio de Janeiro, dove seguirà la sua terza Olimpiade. Un’esperienza fantastica, unica.

“Assolutamente. La mia prima volta, a Pechino, è stata un’emozione grandissima. I Giochi Olimpici ti offrono la possibilità di ammirare lo sport al massimo livello e allo stesso tempo di incontrare il mondo. Tanta bella gente che segue lo sport con passione, vivendolo senza polemiche, attriti, meno che meno atteggiamenti aggressivi nei con fronti delle altre tifoserie, degli atleti che rappresentano gli altri paesi. Si vive un’atmosfera fantastica che mi ha rapito. Da allora, ci sono tornato, e ci torno anche quest’anno, con la speranza di rivivere un’altra emozione”.

Pechino e Londra, due esperienze bellissime in luoghi così diversi ed ugualmente affascinanti. Tante cose da vedere, da godere, da mattina a notte.

“Era il mio primo viaggio in Cina, indimenticabile. E pensare che io non sono molto attratto dal mondo e dalla cultura orientale, che non mi hanno mai affascinato. Ma visitare la Grande Muraglia o Piazza Tienanmen fu indimenticabile. Ospitare i Giochi in luoghi così storici aggiunge fascino a fascino”.

Presumo abbia seguito soprattutto la pallavolo.

“Sicuramente, visto che fa parte del mio mondo, della mia quotidianità. Inoltre all’Olimpiade il livello è altissimo, gli atleti esprimono il massimo e offrono partite bellissime. Ma sono riuscito a vedere anche il basket e la scherma, sport importantissimi che regalano emozioni fortissime. Uno acquista i biglietti senza sapere prima cosa potrà vedere. Poi capita di vivere emozioni irripetibili, come mi è successo a Londra, nel vedere l’Italia di sciabola con Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Giampiero Pastore e Luigi Tarantino, conquistare la medaglia di bronzo nel torneo a squadre”.

Spero di incontrare le ragazze che ho seguito anche in momenti difficili e ovviamente Zé Roberto”

A Rio, ci saranno giocatrici, anzi amiche…

“Molte ragazze sono passate nel mio studio, ragazze splendide, che ho conosciuto e frequentato. Ho avuto a che fare con loro anche in momenti difficili, quando erano infortunate. Averle aiutate a recuperare e ritrovarle, oggi, in maglia azzurra, in un evento così importante qual è l’Olimpiade, e vederle giocare dal vivo sarà ancora una volta motivo di grande orgoglio. Spero di avere l’occasione per incontrarle e salutarle, anche se non sarà facile, visti i loro impegni. Se non riuscirò a salutarle, mi accontenterò di ammirarle dal vivo”.

Presumo che lei non si riferisca solo alle azzurre, ma anche al Brasile.

“Certo che sì. Qualche mese fa, quando Zé è stato qui, a Pesaro, ci siamo salutati, ripromettendoci di rivederci a Rio. Se dovessi riuscirsi, sarà un’emozione in più”.

A Rio assisterà alla terza Olimpiade. Le chiedo: Roma sì o Roma no?

“Da appassionato, direi di sì. Sarebbe auspicabile ospitare a Roma i Giochi del 2024. E’ altrettanto vero, però, che le difficoltà non sono poche e i problemi di Roma sono molto seri. Non sarà facile risolverli, anche se sarebbe bello per l’Italia ospitare i Giochi Olimpici in programma fra otto anni”.

L’ex colibrì Jaqueline inserita tra le 4 sportive più sexy dei Giochi Olimpici

A proposito di Jaqueline, Mundo Deportivo, quotidiano sportivo catalano, l’ha inserita tra “Las 6 deportistas mas sexys de los Juegos Olimpicos de Rio 2016″. Con lei, la tennista danese Caroline Wozniacki, la calciatrice statunitense Alex Morgan, l’atleta australiana Michelle Jenneke, la tiratrice britannica Amber Hill e la boxeur statunitense Michaela Mayer.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>