“Fano città dei bambini? Sì, ma dove sono le piste ciclabili?”

di 

18 agosto 2016

Pista ciclabile Sottomonte

Pista ciclabile Sottomonte

Giovanni Giovanelli*

FANO – Il piano delle asfaltature delle strade con un forte intervento in termini di chilometri asfaltati poteva essere l’occasione per realizzare finalmente piste ciclabili che collegassero la città di Fano. Iniziando da viale Adriatico, viale Dante Alighieri, via Gentile da Fabriano, via Pisacane, viale XII settembre… tutte strade ad alta densità di traffico che invece potevano diventare strade ad alta densità di piste ciclabili realizzando un circuito ciclabile di collegamento della città.

Ad oggi la possibilità di infrastrutture con una rete di piste ciclabili la nostra città sembra rimanere nel cassetto dei sogni e delle attese.

Tutto questo non sta accadendo.

Se poi si pensa che nelle prossime settimane dopo il completamento della famosa interquartieri che sfocia di fronte alla pista Zengarini, un’intera zona di Fano – Poderino e Trave quartieri pilota per Fano città dei Bambini – con i quartieri con il maggior numero di strade che da future e possibili piste ciclabili diventeranno arterie stradali sulle quali si scaricherà il traffico della interquartieri e un domani non molto lontano il traffico della bretella di collegamento che scaricherà il suo traffico su via della fornce e via della Trave, si capisce che Fano città dei Bambini diventerà un semplice ricordo dalla segnaletica desueta e scolorita.

Altro che Fano città dei Bambini. Quale viabilità per questi quartieri ma soprattutto questa giunta vuole realizzare la mobilità sostenibile? Con quali scelte, quali tempi, quali modalità di intervento? Oppure si cercano scelte compromissorie per non scontentare nessuno?

In questo senso la vicenda di via Nolfi e di via Cavour che dovrebbero essere pedonalizzate, invece sono aperte al traffico e al parcheggio delle auto, sono l’espressione di scelte che non vengono prese!

Urgono immediatamente decisioni urbanistiche tese al raggiungimento di piste ciclabili diffuse e tra loro connesse che favoriscano la mobilità sostenibile.

Sono scelte che devono essere prese con decisione: solo in questo modo si realizzerà una città più a misura di bambino e meno a misura di macchina.

*Responsabile Cisl Ast di Fano

Tags: , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>