Volley, l’Under 19 di Pamio si perde sul più bello

di 

30 agosto 2016

215433_aMUZ_9107RUSSIA-ITALIA 3-1

RUSSIA: Lazarenko 13, Balyko 4, Kotikova 14, Stalnaya 13, Podskalnaia 1, Oganezova (L), Pligunova 1, Stankevichute ne, Russu, Kotova 12, Toshova 3, Vorobyeva 12. All. Svetlana Safronova.

ITALIA: Boldini ne, Bartesaghi ne, Morello 1, Lubian 20 (5 muri), Zannoni (L), Provaroni, Pamio 9 (7/31; 2 ace), Mancini 5, Mazzaro ne, Melli 14, Nwakalor 2, Pietrini 16. All. Cristofani.

ARBITRI: Saadattin Deneri (Turchia ) e Marie-Catherine Boulanger (Belgio).

PARZIALI: 25-23; 25-23; 20-25; 25-16 in 114 minuti.

L’Italia perde la prima partita del campionato europeo Under 19 contro la Russia che – come la Turchia nel Girone 1 – rimane imbattuta e a punteggio pieno. Peccato, perché le azzurrine con la neo pesarese Alice Pamio (foto Cev) avrebbero meritato almeno il tie-break, quindi in ogni caso 1 punto, anche se sono clamorosamente crollate dopo avere riaperto la sfida, iniziata male – moralmente – avendo ceduto i primi due set di strettissima misura. E dopo aver condotto il primo set (14-19, dopo un grande ace di Pietrini, ancora una volta la migliore realizzatrice italiana, e un attacco da posto 4 di Giulia Melli). Le azzurrine si erano portate anche sul 14-20, ma una palla fuori ai piedi dell’allenatore italiano Luca Cristofani è sta vista dentro. Da lì la Russia ha costruito un 11-4 che ha annichilito Pamio e compagne. Un turno al servizio di Tushova ha portato il 19 pari. La battuta sbagliata della numero 15 russa ha riportato avanti l’Italia che ha guidato fino al 20-21 (pallonetto di Nwakalor) e ancora sul 21-22 (servizio sbagliato delle russe); omaggio restituito dalle azzurre che sbagliavano l’attacco per il possibile 21-23. Pamio – attaccando da posto 2 – fissava il 22-23, ma l’Under 19 si fermava lì, complice negativo un bellissimo muro giudicato fuori per questione di millimetri. Una pessima ricezione consentiva alla Russia di contrattaccare per il 24-23 e il terzo ace del set (Vorobyeva) chiudeva il set.

Secondo set con la Russia avanti 8-1 e Italia sotto choc per la conclusione del parziale precedente. Ancora meno 5 (16-11), poi la grande rimonta azzurra (20 pari), dopo 2 muri e un attacco vincente di Melli. Una fast russa interrompeva il break negativo. Seguiva un muro avversario per il più 2, difeso fino alla fine del set: 25-23.

Brave Pietrini e compagne a trovare la forza di reagire per vincere il terzo set, nettamente. Inspiegabile il crollo nel quarto set.

Ora è a rischio anche il secondo e addirittura il terzo posto nel girone 2. Sarà importante tornare a vincere mercoledì sera contro la Germania.

In precedenza s’erano giocate le altre due partite: Serbia-Germania 3-2 (25-19; 21-25; 25-11; 28-30; 15-7) in 123 minuti. Migliori realizzatrici: Kočić e Lazović 21; Köppen 19. Bielorussia-Ungheria 2-3 (20-25; 17-25; 25-16; 26-24; 7-15) in 110 minuti. Migliori realizzatrici: Klimets e Hryshkevich 22, Török 22.

La classifica dopo tre giornate: Russia 9, Serbia e Italia 5, Germania 4, Ungheria e Bielorussia 2.

Prossimo turno, mercoledì 31: ore 15,30 Serbia-Bielorussia; ore 18 Ungheria-Russia; ore 20,30 Germania-Italia.

Terza giornata: Francia-Turchia 0-3 (9-25; 13-25; 18-25) in 62 minuti. Croazia-Slovacchia 0-3 (17-25; 11-25; 19-25) in 78 minuti. Migliori realizzatrici: Vranković 10 e Sunderlikova 16. Belgio-Bulgaria 3-1 (20-25; 25-16; 25-17; 25-14) in 101 minuti. Migliori realizzatrici: D’Hondt 14 e Krasteva 18.

Classifica: Turchia 9, Slovacchia 6, Belgio e Bulgaria 5, Croazia e Francia 1.

Prossimo turno, mercoledì 31: ore 15 Francia-Croazia; ore 17,30 Slovacchia-Belgio; ore 20 Turchia-Bulgaria.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>