Master universitari: come prendere la giusta decisione

di 

2 settembre 2016

Master universitariÈ tempo di trovare un lavoro. O quanto meno di predisporre il proprio curriculum per sfruttare tutte le occasioni che attualmente circolano in Italia. Dopo anni di crisi e di disoccupazione dilagante, infatti, pare proprio che il mercato del lavoro abbia trovato un momento per tirare il fiato e per accogliere nuovamente i ragazzi che si lanciano alla ricerca della propria opportunità professionale. Stando ai dati raccolti dall’Istat, nonostante un primo lieve calo a luglio del numero degli occupati, soprattutto dei liberi professionisti, il tasso occupazionale complessivo è in positivo: secondo le ultime rilevazioni dell’Istituto di ricerca, infatti, in questa prima metà del 2016 è stato registrato un aumento di +10.000 contratti di lavoro stipulati dalle aziende in Italia, con un conseguente calo del tasso di disoccupazione. La notizia migliore è che sono soprattutto i giovani ad approfittare delle nuove porte aperte dalle imprese dello Stivale. Ed ecco che la scelta del master universitario torna a occupare una posizione di rilievo.

Come scegliere il master universitario?

Il curriculum parla prima di voi e deve essere sempre supportato da un titolo che comunichi alle aziende professionalità e competenza. Ecco, dunque, che la scelta del master diviene quasi obbligata, in quanto permette al giovane di specializzarsi ulteriormente e di fare tanta pratica sul campo. Come scegliere un buon master? Non si tratta di un’impresa facile, ma esistono comunque dei fattori di grande peso: ad esempio, un master che comunichi chiaramente i suoi obiettivi su finalità, contenuti e tipologia d’insegnamento è già sinonimo di qualità. Inoltre, un ottimo consiglio riguarda i docenti: informatevi su chi tiene i corsi del master e verificate eventuali curricula e pubblicazioni scientifiche o divulgative. Infine, noi vi consigliamo di scegliere un master che abbia un ufficio placement al quale rivolgersi e che vi offra l’opportunità di svolgere un periodo di stage.

Attenzione all’offerta formativa

Un fattore che merita un discorso a parte è l’offerta formativa. Assicuratevi che l’istituto autore del master sia in grado di offrire numerosi corsi e che copra tutte le aree didattiche più importanti, perché questo denota la sua professionalità. Da questo punto di vista, l’Unicusano è un ateneo che offre più di un master universitario ad Ancona, proponendo dei percorsi in diverse aree di specializzazione, di sicuro interesse per gli studenti delle Marche e non solo. Infatti quest’università consente anche di frequentare le lezioni online: grazie alla sua piattaforma di e-learning lo studente potrà seguire il corso senza spostarsi da casa e, dunque, senza doversi recare fisicamente all’università. Questa è una caratteristica particolarmente interessante per chi vive nei piccoli centri e che spesso per poter seguire il master si trova a doversi trasferire nei pressi dell’ateneo scelto.


Specialistica o master?

Molto spesso i ragazzi freschi di laurea breve si pongono il quesito se proporsi al mondo del lavoro o proseguire con gli studi. In quest’ultimo caso lo studente si trova spesso davanti a un bivio: scegliere di frequentare un master o seguire con la laurea specialistica? Partiamo da una doverosa premessa: entrambe sono in ogni caso possibilità molto valide da diversi punti di vista, ciò però non toglie che non vi siano delle differenze. Nello specifico, la laurea specialistica si concentra soprattutto sul fornire una forte base teorica, mentre il master consente anche di avere un approccio molto concreto con la pratica sul campo. Inoltre i docenti possono provenire da diversi ambiti: nel primo caso sono prettamente dei professori, mentre nei corsi di master troverete per la maggior parte dei professionisti del settore, che hanno già raggiunto il successo nelle loro carriere e che sapranno darvi sia delle nozioni importanti sia dei consigli pratici sul mondo del lavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>