Santa Marta Branca pronto per la riapertura dell’anno scolastico. Cantieri in via di ultimazione

di 

2 settembre 2016

PESARO – Aule pronte per l’inizio del nuovo anno scolastico. “Lo avevamo promesso agli studenti ed abbiamo fatto tutto il possibile per rispettare questo impegno”, evidenzia il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Daniele Tagliolini. Sta lavorando infatti a pieno ritmo il cantiere per il consolidamento strutturale e risanamento dei solai dell’istituto alberghiero “Santa Marta – Branca” di Pesaro. Già ultimati il primo e secondo piano e l’ingresso del piano terra, così come i laboratori informatica e lingue, mentre nel mese di ottobre saranno a disposizione anche i locali degli uffici (attualmente ospitati in Provincia, nella sede di viale Gramsci) e cucina.

Santa Marta Branca“Per il secondo anno consecutivo – dice ancora Tagliolini – abbiamo realizzato interventi importantissimi sull’edificio in uno spazio temporale limitato, fine luglio – primi di settembre, visto che è possibile lavorare soltanto quando la scuola è chiusa. Ciò è frutto di un’attenta pianificazione fatta nel corso dell’anno, che consente di velocizzare i tempi. La Provincia ha investito molto su questo istituto, sono stati appaltati lavori per un milione e 200mila euro per risanare tutti i solai e garantire una situazione di sicurezza in tutto l’edificio scolastico, somma che si aggiunge ai 500mila euro spesi lo scorso anno per i lavori più urgenti”.

L’intervento al “Santa Marta”, come spiega l’ing. Luigi Massarini del Servizio edilizia della Provincia, direttore dei lavori, consiste nella demolizione di tutte le parti ammalorate dei solai, nella pulizia dei ferri di travetti e travi arrugginitisi nel tempo, con inserimento di materiali protettivi per ripristinare la portanza e sicurezza dei solai. Verranno poi installati controsoffitti anti-sfondellamento per ricoprire le parti su cui si è intervenuti e dare un aspetto finito alle aule. “In questi giorni – aggiunge – si sta procedendo anche all’impermeabilizzazione e all’isolamento di tutta la copertura, in modo da migliorare l’isolamento termico dell’edificio”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>