Sagra Musicale Malatestiana, il ritorno del grande Gergiev

di 

3 settembre 2016

Valery Gergiev e Alexander Buzlov in concerto all'Accademia di Santa Cecilia (dalla pagina Facebook del violoncellista)

Valery Gergiev e Alexander Buzlov in concerto all’Accademia di Santa Cecilia (dalla pagina Facebook del violoncellista)

RIMINI – Non gli hanno dedicato una serie televisiva come Mozart in the Jungle, una delle più apprezzate trasmesse quest’anno da Sky, ma non ci sono dubbi che il suo carisma sia decisamente superiore a quella di Rodrigo, il direttore esaltato in video dalla bravura dell’attore Gael Garcia Bernal.

Valery Gergiev non ha bisogno di un attore che gli presta la voce. Valery Gergiev è direttore e attore, inventore e produttore, straordinario scopritore di talenti, è uno dei grandi protagonisti della musica contemporanea.

E torna, ancora una volta, a rendere ancora più grande la Sagra Musicale Malatestiana di Rimini, che non è solo una delle manifestazioni più antiche d’Italia. E’ di più… Se il Rossini Opera Festival è il massimo per le voci di belcanto, per gli allestimenti delle opere del Cigno di Pesaro, la Sagra Musicale Malatestiana è quanto di meglio ci sia per la musica sinfonica.

Cinque concerti, dal 30 agosto al 13 settembre, cinque grandi orchestre e altrettanti straordinari direttori. Con l’aggiunta di solisti unici.

Dopo la Rotterdam Philarmonic Orchestra diretta da Yannick Nézet-Séguin, il nuovo idolo del Metropolitan di New York City, e la partecipazione dei fratelli Renaud e Gautier Capuçon, domenica 4 settembre, Auditorium Sala della Piazza Nuovo Palacongressi di Rimini, sarà Valery Gergiev a dirigere l’Orchestra Mariinsky, avvalendosi del violoncellista Alexandr Buzlov. Quindi, mercoledì 7 settembre, stessa ora e stesso luogo, concerto della MDR Sinfonieorchester diretta da Kristian Järvi con Stefano Bollani al pianoforte. Venerdì 9 settembre concerto della Youth Orchestra of Bahia, diretta da Ricardo Castro e con la partecipazione delle pianiste Martha Argerich e Theodosia Ntokou. Infine, martedì 13 settembre, a chiudere l’edizione numero 67 sarà l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Dmitri Kitajenko, con il pianista Simon Trpčeski.

Un’immersione totale nella grande musica sinfonica, variando i programmi da Haydn a Prokof’ev, da Strauss a Ravel, da Rachmaninov a Rimskij-Korsakov, ma anche da Gershwin a Ginastera.

Fra gli appassionati, è grande l’attesa per il concerto di domenica, per il ritorno a Rimini di Valery Gergiev e dell’Orchestra Mariinsky che portano nel mondo i suoni, le luci e i colori della meravigliosa San Pietroburgo.

L’anno scorso, il maestro, moscovita di nascita ma di famiglia originaria dell’Ossezia, scopritore dell’immenso talento di Anna Netrebko, regalò al pubblico dell’Auditorium riminese la chicca del giovanissimo pianista Daniel Kharitonov. Quest’anno propone un altro grande solista, il violoncellista Alexander Buzlov, uno dei più grandi talenti dell’attuale e della prossima generazione. Moscovita di 33 anni, dopo essere stato studente modello del Conservatorio della capitale, ha studiato con violoncellisti rinomati quali Rostropovich, Shakhovskaya, e attualmente insegna nello stesso istituto, dove è assistente du Natalia Gutman. L’anno scorso ha vinto il Premio Čajkovskij.

Il programma della serata prevede: Prokof’ev: Romeo e Giulietta, Frammenti dalle Suite n. 1 e n. 2; Čajkovskij: Variazioni su un tema rococò per violoncello e orchestra op. 33; Prokof’ev Sinfonia n.5 in si bemolle maggiore op. 100.

Informazioni sui biglietti:

Nel momento in cui scriviamo questo articolo, sono disponibili 17 biglietti nel Primo Settore (42,00 euro); 5 biglietti nel Secondo Settore (33,00 euro ); 9 biglietti nel Terzo Settore (28,00 euro ); 108 biglietti nel Quarto Settore (25,00 euro). Giovani di età inferiore ai 25 anni (Quarto Settore: 15,00 euro).

Ricordiamo che nei giorni dei concerti i biglietti sono in vendita nella biglietteria del Teatro Novelli dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 18 direttamente presso l’Auditorium del Palacongressi.

Tags: , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>