Pesaro-Kakegawa, il Consiglio dice sì al gemellaggio

di 

13 settembre 2016

PESARO – La raccolta differenziata tiene banco in Consiglio comunale. E’ passata “emendata”, dopo un ampio dibattito la mozione presentata dalla maggioranza (prima firmataria Cristina Amadori) che chiedeva “miglioramenti della raccolta differenziata”. All’unanimità ha invece avuto il via libera la delibera illustrata dal vicesindaco Daniele Vimini che proponeva di sottoscrivere un patto di gemellaggio tra la città di Pesaro e la città giapponese di Kakegawa.

 

Gemellaggio Pesaro-Kakegawa

imagesLa delibera è stata presentata dal vicesindaco Daniele Vimini, il quale ha spiegato che il Comune di Pesaro da tempo ha avviato un proficuo confronto con alcune località del Giappone, tra cui in particolare con la città di Kakegawa per avviare rapporti di amicizia e collaborazione con l’obiettivo di promuovere e valorizzare, in ottica extraeuropea, le proprie risorse culturali, turistiche e commerciali. La città di Kakegawa, situata nella prefettura di Shizuoka, conta circa 118mila abitanti; da un punto di vista produttivo è la più grande produttrice di tè verde in Giappone.

“Negli anni recenti – ha ricordato Vimini – si è sviluppato un inteso rapporto artistico Pesaro-Giappone, grazie all’Orchestra Sinfonica Rossini”. In particolare tra il direttore artistico della OSR Daniele Agiman e il tenore giapponese Masahiro Shimba, nativo di Kakegawa, relazioni che sono culminate in tournee e concerti sia in Italia sia in Giappone.

La delibera è stata votata all’unanimità.

 

Mozione d’urgenza sul terremoto

Successivamente il consigliere Remo Giacchi (Fi) ha presentato una mozione d’urgenza sul terremoto (“la situazione è tale che non si può rimandare”), ma è stata bocciata in quanto sia il presidente Bartolucci sia il capogruppo del Pd Carlo Rossi hanno spiegato che sulla questione si terrà un consiglio comunale monotematico, molto probabilmente lunedì 26 settembre.

 

Le mozioni

Ok all’unanimità per l’ordine del giorno presentato dalle consigliere Amadori, Renzoni, Ceccaroli, Signorotti, Fraternali e Panicali sulla convenzione con le guardie zoofile. Ritirata invece dal consigliere Dallasta la mozione (presentata insieme alla Crescentini) in cui si richiedeva la modifica della viabilità di viale della Repubblica: “Ne discuteremo in commissione”, ha detto il consigliere.

 

Sanità

Il consigliere Remo Giacchi ha sollevato la questione dell’Azienda Marche Nord “che sta progettando il nuovo piano aziendale  per i prossimi due anni. Un piano che non va presentato solo ai sindacati – ha sottolineato – ma anche al Consiglio comunale”.

 

Ma a tener banco in Consiglio à stata la mozione presentata dalla maggioranza  sui miglioramenti della raccolta differenziata. Tanti gli interventi, alcuni molto critici, come quelli dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, che alla fine non partecipano al voto. La mozione è passata emendata (emendamento presentato dai consiglieri Pozzi, Santini e Vitali), a maggioranza (18 voti favorevoli e 4 contrari). Anna Bezziccheri (FI) si è chiesta “cosa ci stia a fare la commissione ambiente. Questa mozione l’avremmo condivisa volentieri. Sono mortificata”.

Stefano Falcioni (Pd) ha detto invece che l’obiettivo è quello “di raggiungere risultati ancora migliori. Per fare questo è importante un maggior coinvolgimento tra Amministrazione comunale e Marche Multiservizi”. E ancora: “L’Amministrazione comunale sta asfaltando chilometri di strade, ma Marche Multiservizi non risponde ai ripristini con sollecitudine”. Per Dario Andreolli (Ncd) “la mozione non pone rimedio a un errore: l’aumento della Tari; inoltre negli ultimi mesi il servizio mostra sempre maggiori criticità”. Per Silvia D’Emidio (M5S): “Qui c’è una lode a Marche Multiservizi che non condividiamo. Il costo dei rifiuti è raddoppiato”.

A chiudere gli interventi l’assessore Delle Noci il quale ha sottolineato come “questa mozione è chiara e fissa un indirizzo preciso per il sindaco e la giunta di un lavoro ulteriore, sia di miglioramento dei servizi sia di riduzione della tariffa”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>